Alla scoperta di Reddit, il più “misterioso” dei social

Fondato nel 2005

Cominciamo con un dato di fatto: in Italia è ancora un prodotto di nicchia, e probabilmente è destinato a rimanerlo anche nel prossimo futuro. Ne possiamo aggiungere subito un altro, di elemento comprovato: funziona maledettamente bene. Stiamo parlando di reddit, l’aggregatore sociale di notizie che ritroviamo citato sempre più spesso da quotidiani e riviste, italiane e (soprattutto) internazionali. Eppure, nonostante una storia quasi decennale e una crescita notevole nell’ultimo triennio, reddit resta tutt’ora ai margini delle autostrade più trafficate del web europeo.

Già, perché reddit funziona ancora soprattutto negli Stati Uniti, terra da cui trae oggi circa il 70 per cento del traffico totale, e in Australia. Al vecchio continente non piace, o – forse – fatichiamo a capirlo. I numeri sono comunque da capogiro: 80 milioni di visitatori unici al mese per un totale di quattro miliardi e mezzo di pagine viste. I redditors, come si chiamano gli utenti iscritti al servizio, rappresentano solo una parte del totale. Volendo, infatti, il sito può essere navigato anche in modalità lurker, con la possibilità di esplorare le sezioni e leggere i post, senza registrarsi e perdendo dunque il “diritto di voto” che rappresenta l’anima centrale del sito.

Reddit non è una novità. Fu fondato nel 2005 da Steve Huffman e Alexis Ohanian, un informatico e un imprenditore, al tempo solamente ventiduenni. Diciotto mesi dopo il lancio, il sito fu acquistato dalla casa editrice Condé Nast (GQ, New Yorker, Vogue, Wired) e fa oggi parte della sussidiaria Advance Publications. Della prima era di Reddit fece parte anche Aaron Swartz, creatore tra le altre cose dei feed RSS e dei Creative Commons, il quale si è tolto la vita pochi mesi fa, all’inizio del 2013. Dal 2008, reddit è diventato un progetto open source. Dal 2012 il CEO è Yishan Wong, che ha iniziato la scalata dalle fondamenta: fu uno dei primi utenti ad iscriversi, otto anni fa.

Il sito è strutturato come una grande community, cui ogni utente può contribuire mantenendo il più totale anonimato: durante la registrazione, infatti, il nome è sostituito da un nickname, e persino l’inserimento dell’indirizzo e-mail è facoltativo. Una volta effettuata l’iscrizione, l’utente assume lo stato di redditor e può cominciare ad alimentare il sito, condividendo link ad articoli, immagini, video, gif animate, tweet e qualsiasi cosa componga una pagina web. Il cuore del portale è la home, una bacheca fluida dove, in tempo reale, vengono elencati in ordine di popolarità i contenuti più “caldi” sul sito.

Attraverso questa interfaccia, ogni utente può esprimere un giudizio positivo (upvote) o negativo (downvote) su ogni singolo contenuto, contribuendo ad alimentare la visibilità dell’oggetto stesso e, di conseguenza, il suo successo. Al di là della pagina principale, nel sito si possono navigare e creare tantissimi subreddit, ovvero sezioni tematiche accessibili dal menù di navigazione posto in alto. In ognuno di questi piccoli forum (anche se di forum non si tratta) ci si confronta attraverso i commenti e ci si scambia link attinenti all’argomento: politica, archeologia, talent show, pubblicità e quant’altro vi possa venire in mente. All’utente viene chiesto di leggere ed interagire, fedelmente al nome del sito, una crasi delle parole read (“leggi”) e edit (“modifica”).

Reddit, come avrete già notato nei paragrafi precedenti, è dotato di un suo linguaggio particolare. Per questo, forse, al primo impatto può “spaventare” o disorientare un nuovo utente. In realtà, per diventare familiari con la piattaforma (disponibile parzialmente anche in italiano) basta poco più di qualche ora. Su reddit il contenuto si diffonde da altrove, e talvolta si crea in loco: l’ultimo esempio lo ha dato Trent Reznor, frontman della band Nine Inch Nails, che ha utilizzato il portale per aprire una chat pubblica con i propri fan. La discussione, di colpo, è schizzata nei primissimi posti della classifica generale, dando grande risalto alle dichiarazioni del celebre cantante. La stessa cosa era stata fatta da Barack Obama nell’agosto del 2012: il Q&A con il presidente americano è diventato la pagina più cliccata dell’anno, con 5,598,171 di visualizzazioni.

Come si sostenta, dunque, reddit? In due modi, sostanzialmente. Il primo è l’inclusione di messaggi sponsorizzati, frequentemente collocati nella prima posizione della home page. Il secondo è il programma Redditgold, una versione premium del sito che offre funzionalità aggiuntive, al costo di 3,99$ al mese o 29,99$ all’anno. Gli abbonamenti si possono pagare anche in Bitcoin. Tuttavia, questo non basta. Ironicamente, Reddit aveva e ha un problema di reddito: lo ha ammesso il CEO Yishan Wong la scorsa estate, affermando però di avere un piano per rendere il sito profittevole entro il 2014. 

In effetti, se the front page of the internet (come recita lo slogan di reddit) decidesse di aprire i propri canali a sponsorizzazioni e inserzioni massicce come fa buona parte della concorrenza, il problema economico potrebbe risolversi in breve tempo. Una tale scelta, tuttavia, porrebbe dei seri problemi alla community del sito, abituata ad organizzarsi attorno a una struttura senza eccessive “interferenze” legate alla pubblicità. In gioco c’è la credibilità dell’intero portale e la fiducia degli utenti nello stesso. Se reddit riuscirà a trovare un adeguato compromesso tra queste due istanze, il suo futuro non è in discussione. E chissà, magari un giorno potrà varcare anche i confini europei.

Ecco il contenuto più popolare su reddit nel momento in cui scrivo.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, così come i giornali di carta e la nuova rivista letteraria K, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta