La rigidità dei salari in Italia

La rigidità dei salari in Italia

Il tasso di posti vacanti è un indicatore di domanda di lavoro. In un mercato del lavoro efficiente e flessibile più la sua evoluzione è positiva, più ci si aspetterebbe una pressione verso l’alto delle retribuzioni, o al contrario, più diminuisce la domanda di lavoro relativa più il salario relativo dovrebbe scendere, a parità di offerta di lavoro.

Il grafico mostra l’evoluzione cumulata in punti percentuali del tasso di posti vacanti dal 2010 nei settori economici italiani, e come si può notare è in media negativo, denotando una caduta scontata della domanda di lavoro dovuta alla recessione. Eppure nello stesso periodo, le retribuzioni nominali orarie sono cresciute in modo significativo e del tutto scollegato dalla dinamica della domanda di lavoro relativa. Fra le due variabili ci si aspetterebbe una relazione positiva, mentre il grafico non ne mostra alcuna. Senza salari allineati alla domanda, difficile sperare che il lavoro sia allocato in modo più efficiente. Sistema di contrattazione collettiva settoriale, cosa esisti a fare?

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, così come i giornali di carta e la nuova rivista letteraria K, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta