L’aumento dell’incidenza dei contratti temporanei

L’aumento dell’incidenza dei contratti temporanei

Nell’ultimo decennio l’incidenza dei contratti a tempo determinato nel totale delle assunzioni è aumentata nella quasi totalità dei paesi Ocse, sebbene la quota relativa vari fortemente da Paese a Paese. Il confronto internazionale nasconde, oltre che differenze in termini di regolamentazione, anche diverse preferenze, sia dal lato della domanda sia dell’offerta, in termini struttura contrattuale.

È però da rimarcare come regolamentazioni stringenti e rigide sui contratti a tempo indeterminato siano una delle componenti che guidano non tanto le differenze in termini relativi fra Paesi, quanto il tasso di conversione dei contratti a tempo determinato in contratti standard. La grande discriminante, in termini di regole, è perciò da valutare secondo questa semplice osservazione empirica: se il contratto a tempo funziona come trampolino per relazioni contrattuali più stabili o meno.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, così come i giornali di carta e la nuova rivista letteraria K, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta