Crollano le obbligazioni: i segni della sfiducia tra i risparmiatori italiani

La quota di titoli obbligazionari detenuti dalle famiglie italiani non è mai stata così bassa dal 1950. Cresce invece la quota di azioni

Gli italiani sono un popolo di risparmiatori che è diventato avverso al rischio dopo le ultimi crisi. Se le attività finanziarie dei risparmiatori italiani sono ancora alte, due volte e mezzo il Pil, è cambiata la composizione di queste attività. È crollata la quota di titoli obbligazionari (11%), mai così bassa dal 1950 mentre è cresciuta la quota di azioni e altre partecipazioni pari al 23%. Mentre l’avversione al rischio spinge sia il circolante e depositi, sia i prodotti che presentano elementi di diversificazione intrinseca.

Continua a leggere su Risparmiamocelo.it

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, così come i giornali di carta e la nuova rivista letteraria K, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta