Investire in euro o dollari? Ecco come gestire il rischio valutario

L’esposizione valutaria negli investimenti può penalizzare l’investire, come può premiarlo. Ci sono degli approcci per gestire questo rischio

Daniel ROLAND / AFP

L’esposizione valutaria è un problema di natura ambivalente o intermittente: può penalizzare l’investire, come può premiarlo. A seconda del momento di mercato, ridurre la quota di moneta straniera nel nostro portafoglio potrebbe considerarsi come una riduzione del rischio valutario o come una distorsione (un home bias) nei confronti della valuta domestica.

Visto la tendenza del tasso di cambio a compensarsi nel lungo termine, riteniamo in questo momento che la diversificazione valutaria con gli opportuni correttivi per limitare la volatilità, resta – insieme alla diversificazione geografica – un’opzione efficiente per l’investitore.

(…)

Continua a leggere su Moneyfarm

Nel lungo termine l’effetto del tasso di cambio tra le valute sviluppate tende a bilanciarsi o comunque a essere piuttosto limitato. Come si può vedere i rendimenti dell’azionario globale espressi in dollari o in euro (valuta domestica) tendono a coincidere

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, così come i giornali di carta e la nuova rivista letteraria K, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta