A gennaio Fiat Chrysler diminuisce le vendite in USA, mentre in Italia le immatricolazioni di auto registrano un buon incremento

Le notizie finanziarie della settimana, tra i problemi di Leonardo, che ha azzerato la performance positiva da inizio anno, alla Ferrari, a un passo dal massimo storico, che colleziona un +15% da inizio anno. Su Websim

1) Settimana difficile per Leonardo. Il colosso industriale statale ha azzerato la performance positiva da inizio anno. Il 2017 si era chiuso in caduta del 26% dopo l’inatteso allarme profitti di novembre. A deludere il mercato i contenuti del nuovo piano industriale al 2022. Per il 2018 la società guidata da Alessandro Profumo si attende un EBITA di 1,075-1,125 miliardi di euro su ricavi compresi tra 11,5 e 12 miliardi. Prevista una crescita degli ordini nel periodo 2018-2022 oltre 6% e una crescita media annua dell’EBITA a +8/+10% nel 2018-2022. Attesa infine una redditività a doppia cifra nel 2020.

2) Fiat Chrysler debole dopo l’annuncio delle vendite Usa di gennaio, ma da inizio anno +30%, miglior risultato tra le blue chip di Piazza Affari. A scatenare le vendite delle ultime sedute la notizia che i volumi negli Usa sono risultati in calo del 13% a gennaio. Il dato è inferiore alle aspettative del consenso degli analisti. Lo spaccato per singoli marchi vede: Jeep +2% su base annua, Chrysler -21%, Dodge -31%, RAM -16%. Buone notizie invece sul mercato italiano. Le immatricolazioni di auto in Italia a gennaio hanno registrato un incremento del 3,4%, con Fiat Chrysler che ha aumentato la quota di mercato.

Vuoi sapere quali sono gli altri 8 titoli da tenere d’occhio in Piazza Affari secondo Websim? CLICCA QUI

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta