Ecco perché alle borse non importa nulla del terremoto elettorale italiano

I conti in sicurezza, Draghi ancora per un anno alla Bce, un po’ di assuefazione agli scossoni politici e all’Instabilità: se vi stavate chiedendo perché le borse hanno reagito con uno sbadiglio al terremoto elettorale, ora sapete perché

Calma piatta. Così hanno reagito i mercati alle elezioni italiane. Se la cosa vi sorprende, non preoccupatevi: non siete gli unici. La turbolenta seduta di borsa di giovedì 22 febbraio – giorno in cui Juncker aveva detto improvvidamente la sua sul rischio instabilità dell’Italia – avrebbe fatto preconizzare altri scenari persino al più inguaribile degli ottimisti.

Eppure il passato diceva altro: ad esempio che dalla Brexit in poi, i mercati hanno dimostrato di dare un peso sempre minore agli scossoni politici, forse perché si sono abituati, forse perché ne sono successi troppi, preoccupandosi di variabili economiche ben più importanti, come ad esempio il rallentamento o meno degli acquisti dei Titoli di Stato da parte della Banca Centrale Europea, giusto per fare un esempio.

Continua a leggere sul magazine di Euclidea

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta
Paper

Linkiesta Paper Estate 2020