Bce, ecco cosa succederà dopo la fine del Quantitative Easing

Mario Draghi ha annunciato che la Banca Centrale Europea in autunno dimezzerà l'acquisto di titoli per poi terminare il programma di acquisto a gennaio 2019. I tassi, però, rimarranno invariati ancora almeno per un anno. Le previsioni su come reagiranno i mercati e i consigli per gli investitori

Daniel ROLAND / AFP

A quasi 10 anni dal fallimento di Lehman Brothers, la Banca Centrale Europea ha deciso la fine del Quantitative Easing. Il programma di acquisto di obbligazioni si dimezzerà da 30 a 15 miliardi tra ottobre e dicembre e terminerà definitivamente a partire da gennaio 2019.

La misura però è “condizionata” ai dati dei prossimi mesi e la Bce continuerà a reinvestire ciò che ha incassato dai bond giunti a scadenza “per tutto il tempo necessario per mantenere condizioni di liquidità favorevoli e un ampio grado di accomodamento monetario”. Si tratta della fine degli acquisti netti – cioè dell’immissione di nuova moneta -, ma lo smantellamento delle politiche di sostegno non inizierà per un altro anno.

Come influirà questo sull’andamento dei mercati?

Continua a leggere su Moneyfarm

Il programma di acquisto di obbligazioni si dimezzerà da 30 a 15 miliardi tra ottobre e dicembre e terminerà definitivamente a partire da gennaio 2019. Si tratta della fine degli acquisti netti – cioè dell’immissione di nuova moneta -, ma lo smantellamento delle politiche di sostegno non inizierà per un altro anno

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta