Milano, la metro diventa contactless: il biglietto si paga con la carta

Il capoluogo lombardo è la prima città italiana a installare tornelli, che consentono di accedere al sistema di trasporto senza biglietto cartaceo. Una soluzione comoda e veloce resa possibile, tra gli altri, dal supporto tecnico di Intesa Sanpaolo che si occuperà della gestione delle transazioni

In metrò senza biglietto cartaceo. Molti – tra ritardatari e sbadati – l’avranno sognato. Ora, almeno a Milano, è possibile. Per accedere ai tornelli, infatti, da qualche giorno è sufficiente appoggiare la propria carta contactless o pagare con lo smartphone con strumenti come Samsung pay. Un modo pratico e veloce per accedere ai sistemi di trasporto reso possibile grazie al supporto tecnico, tra gli altri, di Intesa Sanpaolo, che si occuperà di gestire le transazioni. Milano è la prima città in Italia ad adottare la soluzione, attraverso l’introduzione dei tornelli “digitali” in tutte le stazioni metrò.

Dopo la recente adozione del contactless anche per le carta Bancomat, Intesa Sanpaolo si conferma azienda leader nell’ambito del Retail banking e, con questa operazione, compie un ulteriore passo verso la digitalizzazione dei sistemi di pagamento. Uno dei principali obiettivi per i prossimi anni, come confermato dalle parole del responsabile Direzione Multicanalità Integrata di Intesa Sanpaolo, Massimo Tessitore: «La possibilità di viaggiare in metropolitana senza dovere acquistare il biglietto cartaceo rappresenta una grande comodità per i nostri clienti e per tutti i possessori di carte Visa e Mastercard contactless: con questa iniziativa Intesa Sanpaolo amplia la propria offerta di sistemi di pagamento all’avanguardia e si fa forte di una accelerazione in avanti verso la trasformazione digitale, uno degli obiettivi cardine del nostro Piano d’Impresa 2018/2021».

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta