Alta volatilità e frequenti ribassi: il mercato dei Paesi emergenti è rischioso, ma investire bene si può

I mercati dei Paesi emergenti sono caratterizzati da un'alta volatilità che mette a dura prova la resistenza di chi investe. Infatti, da gennaio a oggi, l'indice MSCI termometro di questi mercati, segna un -20%. Eppure, è nelle situazioni di crisi che nascono le migliori opportunità

Ad agosto, l’indice MSCI Emerging Market, il termometro del mercato dei Paesi emergenti, segna un -20% rispetto ai massimi di gennaio. Un dato che sembrerebbe confermare l’eccessiva volatilità (e quindi rischiosità) di certi mercati.

Eppure, la storia insegna che è nelle fasi di crisi che nascono opportunità. Ma investire bene in certi frangenti non è semplice. Ma si può fare.

Continua a leggere su Risparmiamocelo.it

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta