Tutto quello che volevate sapere sul debito mondiale (e non avete mai osato chiedere)

Stati Uniti, Cina, istituzioni finanziarie: il debito mondiale ha raggiunto un nuovo record. Una nuova crisi finanziaria è alle porte?

Il debito mondiale ha raggiunto un nuovo record: 250 trilioni di dollari, pari al 318% del Pil globale. Dieci anni fa, valeva “soltanto” 165 trilioni di dollari.

Cosa si intende per debito mondiale? Chi lo deve pagare a chi? Potrebbe innescare una nuova crisi finanziaria? Per rispondere a queste domande, è necessario ricordare qual è il significato della parola “debito”.

Il debito rappresenta una passività finanziaria, cioè una somma di denaro che una persona, azienda o Stato deve ad un prestatore. Ogni passività finanziaria, debito incluso, è associato ad una corrispondente attività finanziaria. In sostanza, il debito complessivo e le attività corrispondenti si annullano a vicenda.

Quando metti i soldi in deposito bancario, la banca li utilizza per prestare denaro a qualcun altro che vuole acquistare una casa o un macchinario produttivo. La tua attività finanziaria diventa un debito per la banca.

Il che non è poi così grave. Il debito è sia una passività sia una risorsa e consente all’economia di espandersi e di crescere. Per debito mondiale si fa riferimento dunque al totale degli oneri finanziari dovuti da famiglie, imprese e governi.

Continua a leggere su Risparmiamocelo.it

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta