VideoGiornata mondiale contro l’Aids: 2 milioni di nuove infezioni l’anno nel mondo

In occasione della Giornata mondiale contro l’Aids del 1 dicembre l’Osservatorio AiDS lancia un video sugli stereotipi più diffusi e sul ruolo del Fondo Globale nella lotta alla malattia, di cui l’Italia è tra i maggiori donatori

«Sì, si muore di meno ma si attacca lo stesso». «Ma si cura, dai, quanto siete anni Ottanta». «Questa è roba da froci, immigrati, tossici, emarginati, che ce frega a noi». In occasionde della Giornata mondiale contro l’Aids, l’Osservatorio AiDS, Aids Diritti Salute, insieme a Friends of the Global Fund Europe, e in collaborazione con Aidos – Associazione Italiana Donne per lo Sviluppo e Bluestocking, presenta un video sugli stereotipi più comuni e sul ruolo del Fondo Globale per sconfiggere la malattia.

 https://www.youtube.com/embed/9kXE14ns7wE/?rel=0&enablejsapi=1&autoplay=0&hl=it-IT 

«Sì, si muore di meno ma si attacca lo stesso». «Ma si cura, dai, quanto siete anni Ottanta». «Questa è roba da froci, immigrati, tossici, emarginati, che ce frega a noi»

L’Italia, sebbene l’incidenza di Aids sia in lieve costante diminuzione negli ultimi tre anni, è il secondo Paese per incidenza fra quelli dell’Europa occidentale. In Italia circa il 40% dei casi è diagnosticato tardi, diversi anni dopo il contagio. In questo modo la circolazione dell’infezione nella popolazione è alta. Non a caso i nuovi diagnosticati nel nostro Paese sono ancora circa 4mila all’anno, una cifra che si fa fatica a far diminuire. Nel mondo la cifra sale a 2 milioni.

Il Fondo Globale, partenariato fra governi, società civile e settore privato, dal 2002 sostiene programmi gestiti da esperti locali nei Paesi e nelle comunità più bisognose, con un investimento di circa 4 miliardi di dollari all’anno per porre fine non solo all’Aids, ma anche a tubercolosi e malaria. L’Italia è tra i maggiori contribuenti del fondo e nel mese di ottobre 2019 sarà chiamata a pronunciare il proprio impegno finanziario per il triennio 2020- 2022.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta