È tornatoLa ricetta di Grillo per uscire dalla crisi, reddito di cittadinanza anche a lui

Il fondatore del Movimento Cinque Stelle propone sul suo blog: «Un reddito di base universale, per diritto di nascita, destinato a tutti, dai più poveri ai più ricchi». Della Vedova: «La diserzione continua»

(Photo by Alberto PIZZOLI / AFP)

«La via d’uscita da questa crisi non può essere come quella del 2008, quando si è preferito salvare le banche a discapito del popolo. È  arrivato il momento di mettere l’uomo al centro e non più il mercato del lavoro. Per fare ciò si deve garantire a tutti i cittadini lo stesso livello di partenza: un reddito di base universale, per diritto di nascita, destinato a tutti, dai più poveri ai più ricchi» ha scritto  Beppe Grillo, il fondatore del Movimento Cinque Stelle, sul suo blog.

Benedetto della Vedova, di +Europa, nei giorni scorsi si era chiesto su Linkiesta che fine avesse fatto Beppe Grillo. Oggi, commentando il ritorno di Grillo, ha aggiunto che «la diserzione continua», perché il fondatore dei cinque stelle «ricompare sul blog, ma non parla di come i sui Governi M5S (no Euro, no vax e per la decrescita) ci abbiano portato privi di energie alla crisi e di come quello attuale la stia gestendo; non difende il potere che esercita e non ne rivendica i risultati; non elogia i suoi Crimi, Di Maio e Raggi; non parla di come superare la crisi sanitaria né di come preparare la ripresa economica e industriale e con quali risorse. Parla d’altro, di un reddito universale per tutti. Parla del suo futuro mondo migliore, felice nella decrescita, ma non del presente di cui ha responsabilità. La diserzione continua».