Angela Merkel«L’Europa non è l’Europa se non si difende a vicenda nei periodi di indebitamento»

Il discorso completo della Cancelliera al Bundestag in cui dice che la Germania deve essere pronta a fare la sua parte per aumentare il budget dell’Unione europea: «Siamo una comunità di destino»

Afp

Signor Presidente, onorevoli colleghi, stiamo vivendo momenti straordinari e seri. Tutti noi, il governo, il parlamento e il nostro intero paese, siamo di fronte a una prova che non ha paragoni dalla seconda guerra mondiale, dagli anni in cui è stata fonda la Repubblica federale tedesca. Tutto ciò riguarda niente di meno che la vita e la salute delle persone. Riguarda la coesione e la solidarietà nella nostra società e in Europa. Sono davanti a voi come cancelliere di un governo federale che, insieme agli stati federali, ha deciso nelle ultime settimane misure per le quali non esiste un modello storico su cui possiamo orientarci. (…) Da settimane ormai viviamo nella pandemia  Ognuno di noi ha dovuto adattare la propria vita alle nuove condizioni, sia privatamente che professionalmente. Ognuno di noi può segnalare ciò che manca di più particolarmente.

(…)Tutti i nostri sforzi a livello nazionale possono avere successo solo se abbiamo successo insieme in Europa. Mi avete spesso sentito dire che nella nostra Camera, e in tutta la Germania, le cose possono andare bene nel lungo periodo solo se l’Europa sta andando altrettanto bene. Oggi prendo molto seriamente  questa frase. Come si esprime questo nella pratica? Abbiamo curato oltre 200 pazienti provenienti da Italia, Francia o Paesi Bassi in unità di terapia intensiva tedesche. Abbiamo consegnato attrezzature mediche in Italia, ad esempio, o in Spagna e, insieme ai nostri cittadini, abbiamo riportato a casa migliaia di altri europei che si trovavano bloccati in tutto il mondo.

E abbiamo anche agito insieme per contrastare l’enorme crisi dell’economia europea. Lo stiamo facendo con un pacchetto di misure di aiuto per le aziende e i dipendenti del valore di almeno 500 miliardi di euro. Una serie di misure che il nostro ministro delle finanze Olaf Scholz e gli altri ministri delle finanze dell’Eurogruppo hanno concordato due settimane fa. Ora è il momento di rendere davvero disponibili questi 500 miliardi.

Il Bundestag tedesco dovrà prendere delle decisioni in merito. E sarei felice se potessimo dire che i soldi saranno disponibili a breve. Perché si tratta di un aiuto per le piccole e medie imprese.

Ora, nella discussione politica tedesca, alcuni dei nostri partner chiedono debiti condivisi con responsabilità solidale di fronte alla grave crisi. Questa domanda avrà sicuramente un ruolo ancora oggi pomeriggio alla videoconferenza del Consiglio europeo. Supponiamo che ci sia tempo e volontà politica di condividere il debito e che esista davvero.

Quindi tutti i parlamenti nazionali nell’Unione europea, compreso il Bundestag tedesco, dovrebbero decidere di modificare i trattati dell’UE in modo che parte del bilancio venga trasferita direttamente a livello europeo e si controllata in modo democratico. Farlo, sarebbe un processo lungo e difficile che non potrebbe aiutarci ad affrontare la situazione attuale. Perché ora si tratta di dare un aiuto rapido e di disporre di strumenti in grado di alleviare le conseguenze della crisi.

Il Consiglio europeo di oggi discuterà anche di come noi in Europa vogliamo lavorare insieme dopo queste restrizioni più severe. Vogliamo agire rapidamente in Europa, perché ovviamente abbiamo bisogno di strumenti per essere in grado di superare le conseguenze della crisi in tutti gli Stati membri.

In questo contesto, ritengo sia importante che la Commissione europea continui, ora e nelle prossime settimane, a esaminare in che modo le varie aree dell’economia europea sono colpite dalla crisi e quali azioni devono essere intraprese. Ciò vale anche per gli aiuti diretti all’economia europea.

Un programma di stimolo economico europeo potrebbe sostenere la necessaria ripresa nei prossimi due anni. Ecco perché lavoreremo per raggiunhere questo obiettivo.

Oggi nelle nostre consultazioni non si tratterà di definire i dettagli o di decidere il campo di applicazione. Ma una cosa è già chiara. Nello spirito di solidarietà, dovremmo essere pronti a fornire contributi completamente diversi, ovvero significativamente più elevati, al bilancio europeo per un periodo di tempo limitato. Perché vogliamo che tutti gli stati membri dell’Unione Europea siano in grado di recuperare economicamente.

Un simile pacchetto di stimolo economico dovrebbe tuttavia essere considerato fin dall’inizio all’interndo del bilancio europeo. Il bilancio comune europeo è stato per decenni lo strumento collaudato di finanziamento basato sulla solidarietà di compiti comuni nell’Unione europea.

Inoltre, solleciterò oggi che il Consiglio europeo si occupi presto di questioni fondamentali. In quali campi dobbiamo lavorare più da vicino, e insieme, a livello europeo? In quali settori l’Unione europea ha bisogno di ulteriori competenze? Quali competenze strategiche dobbiamo avere o conservare in Europa in futuro?

Potremmo approfondire questa Unione non solo nella politica finanziaria, nella politica digitale e nel mercato interno. La solidarietà europea è anche richiesta nella politica migratoria, nello stato di diritto, nella politica europea di sicurezza e di difesa o nella protezione del clima. Signor Presidente, onorevoli colleghi, per noi in Germania, l’impegno per un’Europa unita è parte della nostra logica.

Questo non è materiale per i discorsi della domenica, ma è molto pratico: siamo una comunità di destino.

E l’Europa deve ora dimostrarlo in questa inaspettata sfida della pandemia. Questa pandemia colpisce tutti, ma non tutti allo stesso modo. Se non stiamo attenti, servirà come scusa per tutti coloro che stanno dividendo la società. L’Europa non è l’Europa se non si difende a vicenda nei periodi di indebitamento.

In questa crisi abbiamo anche il compito di mostrare chi vogliamo essere come l’Europa. E così alla fine del mio discorso sono tornato all’idea di coesione.

Ciò che è valido in Europa è anche la cosa più importante per noi in Germania. Per quanto paradossale possa sembrare in settimane in cui le regole di condotta ci hanno costretto a distanziarci ed è necessaria la distanza, abbiamo tenuto insieme e insieme siamo riusciti a rallentare il virus nel suo cammino attraverso la Germania e l’Europa.

Nessun governo può semplicemente ordinare che questo succeda. Un governo può solo sperare che qualcosa di simile accada. Questo è possibile solo se i cittadini con cuore e ragione fanno qualcosa per i loro simili. (…) Riusciremo a superare questa gigantesca sfida? Insieme come società, insieme in Europa? Grazie mille!

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta