Nurjana TechL’azienda sarda che traccia e monitora i rifiuti spaziali grazie ai fondi europei

Una piattaforma in grado di monitorarli nella zona Leo (quella più vicina alla Terra) per scongiurare le collisioni con il nostro pianeta

Afp

PlaYOURope è il format radiofonico che in 15 minuti racconta la politica di coesione dell’Unione europea e i suoi principali strumenti il Fondo Sociale Europeo e il Fondo Europeo per lo Sviluppo Regionale attraverso le storie di chi, grazie a questi fondi, è riuscito ad esempio ad avviare una propria start-up ad alto contenuto di innovazione tecnologica, a rimuovere delle barriere architettoniche che impedivano la fruizione di spazi comuni o ancora a restituire alla cittadinanza beni dell’immenso patrimonio culturale a cui non si poteva più accedere. Il progetto è realizzato con il contributo di CesarAdisu e l’Officina

In questa puntata PlaYOURope vi porterà a fare un giro nello spazio alla scoperta di tre progetti in cui la ricerca industriale e sperimentale è stata integrata dal fondo di sviluppo regionale e si è svolta sotto la guida della sarda Nurjana Technologies, un’azienda giovane ma capace di competere con i più grandi colossi internazionali nel settore dell’aerospazio.

Il primo progetto riguarda lo sviluppo di una piattaforma in grado di tracciare e monitorare i rifiuti spaziali che stazionano nella zona LEO (quella più vicina alla terra) per scongiurare le collisioni con il nostro pianeta. Il secondo riguarda la creazione di un sistema satellitare integrato per la gestione degli incendi con tecnologie aerospaziali che permette di prevedere in tempo reale l’innesco di un incendio e consente di anticipare alla sala operativa le zone di più probabile sviluppo.  Il terzo riguarda invece la realizzazione di una piattaforma per la fusione di dati su uno sciame di droni e lo sviluppo di nuove tecnologie sostenibili, di nuovi prodotti e servizi a tutela dell’ambiente.

Ne parleremo in collegamento con il CEO di Nurjana Tech, Pietro Andronico.

Ascolta “Nurjana Tech: monitoraggio e tracking dei detriti spaziali” su Spreaker.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta