Compensazioni per il covidLa Commissione sblocca 199 milioni di euro di aiuti del governo italiano ad Alitalia

La concessione servirà per compensare le perdite subite a causa della pandemia di coronavirus dal primo marzo 2020 al 15 giugno 2020. La commissaria alla Concorrenza Vestager: «Continuiamo a collaborare con gli Stati membri alla ricerca di soluzioni praticabili per sostenere le imprese in questi tempi difficili»

Alberto PIZZOLI / AFP

La Commissione europea ha dato il via libera alla concessione di aiuti per 199.45 milioni di euro da parte dell’Italia ad Alitalia per compensare le perdite subite a causa della pandemia di coronavirus. L’Italia aveva notificato a Bruxelles la decisione di aiutare l’ex compagnia di bandiera per  i danni subiti dal primo marzo 2020 al 15 giugno 2020, dovuti misure di contenimento e dalle restrizioni di viaggio introdotte dall’Italia e da altri paesi di destinazione per limitare la diffusione del coronavirus.

Per la Commissione la cifra di quasi 200 milioni è proporzionata perché la compensazione corrisponde alla stima dei danni che la compagnia aerea ha subito direttamente durante tale periodo. «Il trasporto aereo è uno dei settori maggiormente colpiti dalla pandemia di coronavirus. Noi continuiamo a collaborare con gli Stati membri alla ricerca di soluzioni praticabili per sostenere le imprese in questi tempi difficili, in linea con le norme dell’Ue» ha dichiarato Margrethe Vestager, vicepresidente esecutiva della Commissione europea e responsabile della politica di concorrenza.

Quindi per Bruxelles l’aiuto del governo italiano è compatibile con le norme dell’Ue in materia di aiuti di Stato, ma resta ancora aperto il confronto sulle misure di sostegno concesse prima della pandemia e sui piano di rilancio ancora in via di definizione. «Le nostre indagini sulle misure di sostegno concesse in passato ad Alitalia sono sempre in corso e rimaniamo in contatto con le autorità italiane per essere aggiornati sui loro piani e sulla conformità di questi ultimi con le norme comunitarie», ha chiarito Vestager.

Non si interrompe un’emozione, figuriamoci la Soncini!

X

Linkiesta senza pubblicità, per gli iscritti a Linkiesta Club

Iscriviti a Linkiesta Club