Cucina con GastronomikaSardelle in Saor

Una classica ricetta che prende ispirazione dalla cucina gardesana: pesce azzurro, procedimenti semplici e tradizionali per un vero ritorno ai sapori genuini, accompagnati da un vino bianco fresco e allegro perfetto per le ultime sere d’estate

Foto di energepic.com da Pexels

Ogni giorno vi raccontiamo una nuova ricetta da provare, costruendo insieme le nostre cene e cercando di imparare di giorno in giorno una tecnica, un tipo di cottura, un taglio sempre nuovi. Non diventeremo chef, ma sicuramente avremo nel nostro quaderno qualche nuovo grande classico di famiglia, da condividere nei prossimi mesi nelle cene con gli amici. Prima di cominciare, un unico imperativo: lavatevi bene le mani.

Ingredienti

800 g sarde di lago fresche, 800 g cipolle, 2 bicchieri di aceto, 1 limone, uvetta, pinoli, qualche foglia di alloro, mezzo bicchiere di vino bianco, sale e pepe, farina bianca

Procedimento

Pulire le sardelle, salarle e lasciarle riposare per qualche ora. Poi passarle nella farina bianca e friggerle in abbondante olio. Una volta fritte, riutilizzare l’olio per friggere le cipolle tagliate ad anelli non troppo sottili fino a quando non risultano imbiondite e appassite. Aggiungere l’aceto bianco e la buccia grattuggiata del limone mescolando per bene. Su una pirofila mettere un primo strato di sarde fritte, salarle e peparle, coprirle con le cipolle, gli aromi e le foglie di alloro – si prosegue a strati alterni fino ad esaurire gli ingredienti coprendo il tutto con il saor. Lasciare marinare in un luogo fresco, non refrigerato, per almeno due giorni.

In casa Santa Sofia nasce il Croara del Lago, fresco e allegro è perfetto con le ricette della cucina gardesana: pesce azzurro e procedimenti semplici e tradizionali per un vero ritorno ai sapori genuini di una volta.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta