Cucina con GastronomikaGamberi a colori

Un arcobaleno nel piatto e tanto sapore, per un antipasto gustoso e semplice, da preparare con un po’ di anticipo per una marinatura ancora più buona

Stefano Ciotti

Ogni giorno vi raccontiamo una nuova ricetta da provare, costruendo insieme le nostre cene e cercando di imparare di giorno in giorno una tecnica, un tipo di cottura, un taglio sempre nuovi. Non diventeremo chef, ma sicuramente avremo nel nostro quaderno qualche nuovo grande classico di famiglia, da condividere nei prossimi mesi nelle cene con gli amici. Prima di cominciare, un unico imperativo: lavatevi bene le mani.

Ingredienti per quattro persone

20 gamberi nostrani, 85 g di succo di alghe e origano ottenuto dalla centrifuga di: 70 gr di bietole, 10 g di lattuga di mare, 5 gr di origano fresco

120 g di acqua di mare, 115 g di acqua naturale, 2,6 g di agar agar, 2 foglie di cavolo cappuccio viola (per conferire il colore azzurro). Bollire il tutto,filtrare, gelificare e frullare.

80 g di maionese, 15 g di estratto di basilico. Mescolare insieme.

12 mandorle ammollate dentro acqua di mare per 12 ore, 20 rondelle di ravanello condite con succo di yuzu, origano fresco

Procedimento

Pulire i gamberi, metterli in un sacchetto sottovuoto con il succo di alghe e origano, lasciarli per un’ora. Se non avete un sacchetto potete far marinare i gamberi più a lungo in una ciotola, ben coperti con pellicola.

Finitura e presentazione

Scolare i gamberi dal succo, condirli con olio evo e scorza d’arancio.
Creare un dripping in ogni piatto con le due gelatine e la maionese.
Adagiarvi sopra 5 gamberi per piatto e aggiungere le mandorle, qualche rondella di ravanello e l’origano fresco.

La ricetta è dello chef Stefano Ciotti del Ristorante Nostrano di Pesaro.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta