Giochi di paroleBuondì Motta questa volta prende in giro i negazionisti

Torna la campagna pubblicitaria che da anni gioca sul filo dell’ironia, per sfatare le fake news e bufale attraverso l’immagine di una famiglia più che tradizionale che deve confrontarsi con i grandi cattivi dell’attualità. Se solo bastasse un poco di zucchero!

Negli ultimi anni la comunicazione pubblicitaria di Buondì Motta si è caratterizzata per un uso del sarcasmo quasi estremo.

Alcuni spot hanno suscitato dibattiti in rete e nei talk show, denotando come non sia sempre facile stare sul filo dell’ironia, senza rischiare di incappare in grandi polemiche di chi ritiene che alcune immagini siano troppo forti e inaccettabili per il sentimento comune.

Insomma un asteroide o un enorme Buondì che cade sui genitori di una bambina che pretende di avere una “colazione golosa e leggera” solo perché costoro assicurano che questo tipo di prodotto non esista, per alcuni spettatori è troppo, per altri, la maggioranza per fortuna, vista la benevola accoglienza e i buoni risultati commerciali, è solo un motivo di strappare un sorriso. Dunque un successo di comunicazione.

Questo percorso è iniziato negli scorsi anni e anche nel 2020 si conferma nello stile e nei concetti espressi. Infatti, il sotteso delle campagne degli scorsi anni è il prendersi gioco delle fake news, di chi le produce, di chi le alimenta.

Ancor più, dunque, nell’anno in cui una pandemia globale di cui le teorie sull’origine sono ancora incerte e hanno offerto la possibilità di interpretazioni controrverse a tutti i livelli, anche quelli scientifici purtroppo, ecco che le fake news sono all’ordine del giorno, anzi alcune teorie complottiste hanno ripreso vigore.

Buondì Motta o meglio la loro agenzia, non si è lasciata scappare l’occasione di proseguire nel solco delle campagne avviate negli scorsi anni, così i nuovi spot hanno come leit motiv la cospirazione, giocando con scaltrezza con le parole sostituendo con essa la parola “colazione” prima di “golosa”.

Protagonisti una famiglia all’ora di colazione e un terzo incomodo, il complottista, che, nelle diverse pubblicità proposte in questa campagna 2020, trova giustificazione alle teorie più bizzarre di questi ultimi anni o usa frasi classiche del negazionismo come l’ossessiva e insinuante “non ce lo dicono”.

Così le parole come “golosa”, “leggera”, “glassa”, “granella” dimostrerebbero che la merendina non bisognerebbe mangiarla perché contiene 5G, ma anche la forma del buondì è la prova che la terra sia piatta, per non dire della storica teoria che l’uomo non sia mai stato sulla luna, insomma tutto per dire che la colazione golosa e leggera sia impossibile.

Il gioco del contrario usando la propria campagna pubblicità per far finta di parlar male del proprio prodotto, se fatto con leggerezza, garantisce un buon risultato.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, così come i giornali di carta e la nuova rivista letteraria K, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta

K - Linkiesta FictionÈ nata K, la rivista letteraria de Linkiesta curata da Nadia Terranova

È nata K – Linkiesta Fiction, una nuova rivista di letteratura curata da Nadia Terranova, finalista al Premio Strega 2019, e dal direttore de Linkiesta Christian Rocca. 

K – Linkiesta Fiction è un volume di 320 pagine disegnato dall’art director Giovanni Cavalleri e arricchito da fotografie di Stefania Zanetti, da un’illustrazione di Maria Corte e da un saggio introduttivo di Nadia Terranova. Il tema del primo numero di K è il sesso. 

K si può preordinare sul sito de Linkiesta a 20 euro più 5 di spese postali oppure acquistare nelle migliori librerie indipendenti di tutta Italia (ecco l’elenco in costante aggiornamento). 

Gli autori che hanno partecipato al primo numero con un racconto originale scritto appositamente per K sono:

Camilla Baresani, Jonathan Bazzi, Carolina Capria, Teresa Ciabatti, Benedetta Cibrario, Francesca d’Aloja, Mario Desiati, Annalisa De Simone, Viola Di Grado, Mario Fillioley, Dacia Maraini, Letizia Muratori, Valeria Parrella, Romana Petri, Lidia Ravera, Luca Ricci, Marco Rossari, Yari Selvetella, Elvira Seminara.

Ci sono anche due anteprime di romanzi di Don Winslow e di Maggie O’Farrell in uscita a breve in Italia.

Per acquistare più copie di K, scrivere qui.

20 a copia