Innocenti evasioniDieci idee gustose per chi è stufo del lockdown e vorrebbe volare via

Se in tempi normali il desiderio di staccare la spina ci coglie in momenti particolari, negli ultimi mesi è diventato un pensiero costante e diffuso. Ma per scappare lontano con la mente, a volte basta soddisfare il palato

Sfogliare un catalogo, leggere una ricetta e poi realizzarla, sorseggiare un cocktail, comprare un prodotto speciale, assaggiare qualcosa di nuovo. Ci sono cose che hanno il sapore dell’altrove. Cose che ci fanno sentire liberi, lontani dalle preoccupazioni. Sono profumi o colori, sono semplici gesti, che ci aiutano a guardare oltre e a superare i momenti difficili.

Immaginare il prossimo viaggio

Studiare un itinerario, spulciare tra le pagine di una guida, sognare paesaggi, scegliere l’albergo in cui vorremmo dormire e il ristorante in cui vorremmo mangiare. È un gioco, ma da prendere sul serio e da fare con il giusto “supporto”: la nuova Guida les Collectionneurs è sicuramente uno strumento prezioso. La community di ristoratori, albergatori e viaggiatori che condividono il gusto per il viaggio si riflette nell’iconica “guida arancio” che riunisce 585 esperienze di viaggio e gastronomiche. Oltre 600 pagine da sfogliare, da quest’anno anche in digitale sul sito lescollectionneurs.com per scoprire antiche dimore, boutique hotel, ristoranti gastronomici e bistrot gourmet presenti in 15 Paesi, dalla Francia all’Italia, dal Portogallo alla Germania fino al Marocco. In Italia sono 74 gli indirizzi, tra cui non mancano le novità: 8 ristoranti e 7 alberghi. Forse un segno della volontà dei professionisti di tornare ad accogliere gli ospiti, e dei viaggiatori di tornare ad esplorare il mondo.

Creare una pizzeria in casa

«Mamma stasera facciamo la pizza?». «Tesoro, non facciamo in tempo. La ordiniamo?». «Noooo, che nooooia! Noi volevamo metterci quello che ci piace!». Scene di vita vera, che ogni madre conosce. Se si aggiunge la frustrazione di non poterci andare, in pizzeria, e mangiare una pizza appena sfornata, si capisce che il problema non è da sottovalutare. La soluzione? Una base pronta da tenere in frigorifero e da condire a piacere al momento di passarla in forno, per avere una pizza fragrante e croccante. Il Panificio Follador propone, tra gli altri prodotti, la Tavolozza, una base per pizza in pala preparata con farine biologiche e stirata a mano, ideale da completare con qualsiasi farcitura. Ma tutte le basi per pizze e focacce Follador sono una risorsa da tenere in frigorifero, per una cena diversa dal solito, o magari per improvvisare un pic nic in salotto.

Versarsi un cocktail dal sapore clandestino

Marzo 1920, il 18° emendamento ha imposto lo stop all’alcol in tutti gli Stati Uniti. Un secolo dopo il mondo si ferma a causa del Coronavirus. Di qui l’idea di dedicare una linea di cocktail ready to drink al proibizionismo Usa. I drink Lello sono quelli che andavano in voga negli anni Venti del Novecento, proposti dentro le bottiglie che i barbieri usavano per tonici e lozioni, in modo da spacciare clandestinamente gli alcolici. «Vogliamo mantenere l’idea della clandestinità – racconta l’ideatore del progetto – specie in un momento storico come quello attuale, in cui i bar vengono chiusi, anche se per altri motivi. Ci piace l’idea di far vivere l’autentica esperienza dei locali speakeasy direttamente a casa degli amanti del bere miscelato». Oggi non dobbiamo certo nasconderci: per un aperitivo casalingo non resta che ordinare e servire.

E preparare un cocktail per sentirsi barman

Chi i drink preferisce miscelarli “in proprio” deve scegliere la giusta materia prima. L’Aperitivo Nonino BotanicalDrink, ispirato alla tradizione liquoristica della famiglia Nonino, e rielaborato in chiave moderna, è un infuso 100% vegetale di botaniche fra cui fiori, radici e frutti selezionati ed essiccati a bassa temperatura, a favorire l’intensità di profumi, sapori e colori; impreziosito da UE® Acquavite d’Uva Monovitigno® Fragolino. Aperitivo Nonino BotanicalDrink ha il colore del sole e il profumo degli agrumi; va servito freddo a circa 6-7 °C, ed è ideale in versione BotanicalSpritz con bollicine a piacere e scorza di limone.

Regalarsi il mare

Uscire dall’inverno è il vostro pensiero fisso? Sognate la spiaggia, il sole e gli ombrelloni? Non è mai troppo presto per farsi un regalo. Il Grand Hotel Principe di Piemonte a Viareggio propone dei cofanetti regalo pensati per “guardare avanti”, a quando l’albergo, emblema del liberty in Versilia, riaprirà i battenti: si possono scegliere le Esperienze di soggiorno, per immergersi nel respiro del mare e nell’eleganza della struttura, oppure le Esperienze Gourmet, per una cena vista mare per 2 persone nel Ristorante Il Piccolo Principe, 2 stelle Michelin. Perfette anche per un regalo, le box possono essere utilizzate quando si desidera.

Bere un sorso di Mediterraneo

Ogni vino racconta la sua terra. Ogni calice racchiude colori, profumi, luci: sorseggiarlo a occhi chiusi è lasciarsi trasportare nello spazio e nel tempo. Grisara Calabria IGT bianco dell’Azienda Agricola Ceraudo è un vero e proprio portale: nasce da uva Pecorello, vitigno autoctono recuperato da Roberto Ceraudo, ha il colore dorato di un pomeriggio di luglio e il profumo delle erbe e delle spezie, che in bocca si uniscono all’aroma degli agrumi. Perfetto per accompagnare i piatti di mare, sognando l’estate.

Guardare un film che faccia tornare bambini

In famiglia, ma anche da soli. Tra i più recenti titoli Disney, “Onward – Oltre la magia” è una spendida scorciatoia per immergersi in un mondo incantato: mentre i protagonisti riportano la magia nel mondo, noi la facciamo entrare nelle nostre case. E il cibo? Ovviamente non può mancare. Come tutte le grandi avventure fantasy che si rispettano, il luogo di partenza è una taverna. Quella della Manticora, sorta di chimera alata, capace di riscaldare le pietanze con il suo alito di fiamme. E di tagliare una torta di compleanno con una enorme spada magica.

Fare shopping online con spirito internazionale

La cucina dei Paesi Baschi è a portata di click. Bask Selekt è più di un e-shop: è una finestra sull’Oceano e sulle montagne del Nord della Spagna, un tuffo nei sapori dei Pirenei e dell’Atlantico. Chorizo, prosciutto, formaggio Idiazabal, acciughe, conserve a base di pesce e di verdure, vino, sidro, liquori e il fresco, irresistibile txakoli, vino bianco giovane e aromatico frutto di una varietà autoctona: tante cose buone, selezionate con cura e con grande attenzione alla qualità da Fran e Igor. «Siamo un’impresa giovane – raccontano – situata vicinissimo a Bilbao. Nella nostra terra la gastronomia è quasi una religione, e abbiamo la fortuna di poter contare su prodotti spettacolari, oltre che sull’abilità dei nostri chef, universalmente riconosciuta, come attestato dai tanti ristoranti che vantano la stella Michelin nella nostra Euskal Herria. Il nostro sogno è condividere i nostri gioielli gastronomici con tutti gli angoli del mondo».

Preparare (e gustare) una bevanda d’antan

Ha il sapore delle pasticcerie della vecchia Milano, e prepararla in casa scalda il cuore. La rosümada deve il suo nome a quello dei rossi delle uova, e si può assaporare a merenda o come coccola dopo cena. Servono 4 uova, 4 cucchiai di zucchero, 4 bicchieri di vino rosso. Si inizia separando gli albumi dai tuorli. Raccogliete i tuorli in una terrina con lo zucchero e montateli con la frusta fino a ottenere un composto chiaro e spumoso. Gli albumi vanno montati in neve ben ferma: incorporateli delicatamente al composto di tuorli, quindi aggiungete il vino, versandolo a filo e continuando a sbattere. Servite subito perché la crema non si smonti. Se preferite, potete sostituire il vino con il caffè, e se volete servire la rosümada ai bambini, con il latte.

Leggere un libro e dedicarsi alla pasticceria

Preparare un dolce è un caccia stress straordinario. Dedicarsi a imparare tutti i segreti della pasticceria può essere la chiave per rilassarsi, alimentando una vecchia passione o scoprendone una nuova. “Glossario di pasticceria. Dalla A alla Z, tutti i segreti dell’arte dolce” è la guida completa alla pasticceria realizzata da Luca Montersino per Gribaudo: completa come un’enciclopedia, ma facile e leggera da consultare, si basa sull’esperienza di un grande maestro dell’arte dolciaria. E non manca qualche ricetta da seguire passo passo.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, così come i giornali di carta e la nuova rivista letteraria K, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta

Linkiesta PaperIl nuovo numero quintuplo de Linkiesta Paper – ordinalo qui

In edicola a Milano e a Roma dal 4 marzo, oppure ordinabile qui, il nuovo super numero de Linkiesta Paper questa volta è composto di cinque dorsi: Linkiesta, Europea, Greenkiesta, Gastronomika e Il lavoro che verrà.

Con un inserto speciale su Alexei Navalny, un graphic novel di Giovanni Nardone, l’anticipazione del nuovo libro di Guia Soncini “L’era della suscettibilità” e la recensione di Luca Bizzarri.

Linkiesta Paper, 32 pagine, è stato disegnato da Giovanni Cavalleri e Francesca Pignataro. Costa dieci euro, più quattro di spedizione.

Le spedizioni partiranno lunedì 1 marzo (e arriverrano entro due giorni, con corriere tracciato).

10 a copia