TransizioniChissà a che cosa dovremo rinunciare, nelle nostre cucine

La rassegna gastronomica internazionale, tra il gioco sporco dellʼindustria dei combustibili fossili, lʼonnipervasività dei pesticidi in agricoltura, la discriminazione intorno al cestino del pranzo e il pane di confine

Chissà se il ventilato Ministero della Transizione Ecologica nascerà davvero. Chissà se, nel caso in cui nascesse, metteranno a dirigerlo una persona capace. Chissà se sarà sufficiente una persona capace ai suoi vertici per dargli il potere e lʼefficacia di azione che servirebbe. Chissà se la transizione ecologica diventerà qualcosa di reale e tangibile, e non rimarrà un nome vuoto sulla targhetta di un Ministero. Chissà. Tonino Carotone cantava «è un mondo difficile / e vita intensa / felicità a momenti / e futuro incerto», e in effetti è plausibile che queste incertezze dovremo portarcele dietro a lungo, perlomeno quelle sullʼeffettiva incisività dei risultati che tale Ministero dovrebbe raggiungere. Quel che è certo, anche se Ennio Flaiano in Diario Notturno scriveva «certo, certissimo, anzi probabile», è che una reale transizione ecologica richiede una lunga serie di rinunce rispetto alle nostre abitudini più consolidate, quelle quotidiane, che diamo per scontate. E così come ci ritroviamo a fare resistenza per il cambio di nome di un formato di pasta, allo stesso modo ci ritroveremo probabilmente a immolarci per il diritto di avere una cucina a gas o quello di acquistare ortaggi a bassissimo costo. Anche di questo, lateralmente, parlano i primi due articoli condivisi questa settimana, a firma di Rebecca Leber per Mother Jones e Federico Di Vita per Esquire: di come lʼindustria dei combustibili fossili spinga per tenere accesa la fiamma dei fornelli a gas, e di come i pesticidi continuino a caratterizzare a fondo il sistema dellʼagricoltura intensiva, con tutte le conseguenze del caso, in termini di salute ed economici.

Su Eater invece Jaya Saxena racconta come il momento del lunch box a scuola per i ragazzi e le ragazze possa essere difficile e problematico, perché anche intorno al cibo si costruiscono momenti di discriminazione, spesso feroci nellʼadditare “il diverso”. Rimanendo in tema, su Gastro Obscura cʼè invece la storia di un panificatore-artista-architetto che ha costruito il suo forno lungo il muro che separa il Messico dagli Stati Uniti: ne scrive Ximena N. Larkin, e stavolta fortunatamente lʼorizzonte è quello dellʼinclusione.

Chiudiamo con Josephine Tovey per The Guardian sulle app di food delivery: i costi sociali di tutto questo sistema sono difficilmente sostenibili, tra atteggiamento predatorio delle grandi compagnie nei confronti dei ristoranti e gli ormai arcinoti problemi connessi al lavoro dei rider, dalle questioni salariali a quelle della sicurezza.

How the Fossil Fuel Industry Convinced Americans to Love Gas Stoves – Mother Jones, 11 febbraio

Un articolo che racconta come, nei fatti, negli Stati Uniti lʼindustria dei combustibili fossili le stia provando tutte per ostacolare le legislazioni che impongono la rinuncia al gas a favore dellʼenergia elettrica in cucina.

I pesticidi sono il disastro globale di cui nessuno parla più – Esquire, 7 febbraio

Un poʼ di dati e alcune considerazioni, a partire dal libro di Johann G. Zaller Il nemico invisibile. Difendersi dal pericolo quotidiano dei pesticidi.

The Limits of the Lunchbox Moment – Eater, 8 febbraio

Un poʼ di cose spiacevoli che possono succedere quando, in un contesto culturale tipicamente bianco e occidentale, si inseriscono contaminazioni gastronomiche “esterne”: anche se si tratta di un semplice cestino del pranzo.

The Architect Baking Bread Along the Border Wall – Gastro Obscura, 11 febbraio

La storia di Ronald Rael e del suo forno lungo il confine.

I quit food delivery apps – the absurd convenience was not worth the cost – The Guardian, 10 febbraio

Qualche argomento contro la diffusione e lʼesplosione delle app di food delivery, considerando gli enormi costi sociali che si portano dietro.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, così come i giornali di carta e la nuova rivista letteraria K, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta

K - Linkiesta FictionPreordina qui il nuovo numero di K, la rivista letteraria de Linkiesta

Ci siamo: il nuovo numero di K, la rivista letteraria de Linkiesta curata da Nadia Terranova, è in stampa e sarà in distribuzione dal 15 maggio nelle migliori librerie indipendenti di tutta Italia (ecco l’elenco), oltre che direttamente qui sul sito de Linkiesta.

Il tema del secondo numero di K è la Memoria.

Gli autori che hanno partecipato a questo numero con un racconto originale scritto appositamente per K sono:
Viola Ardone, Stefania Auci, Silvia Avallone, Annalena Benini, Giulia Caminito, Donatella Di Pietrantonio, Davide Enia, Lisa Ginzburg, Wlodek Goldkorn, Loredana Lipperini, Pasquale Panella, Francesco Piccolo, Alberto Schiavone, Simonetta Sciandivasci, Andrea Tarabbia, Alessandro Zaccuri.

C’è anche l’anteprima dei romanzi di Karl Ove Knausgård e di Ali Smith, entrambi in uscita in Italia nei prossimi mesi.
Il volume ospita anche tre mini racconti di Stefania Auci, Rosella Postorino e Nadia Terranova.

Preordina K – Memoria sul sito de Linkiesta a 20 euro più 5 di spese postali. Il volume sarà spedito dal 17 maggio e arriverà in due giorni in tutta Italia. Oppure compralo a 20 euro nelle migliori librerie indipendenti di tutta Italia (ecco l’elenco).

Per acquistare più copie di K, scrivere qui.

20 a copia