Regole di bilancio sospeseDombrovskis dice che l’Italia deve tenere comunque il debito sotto controllo

La Commissione Ue apre allo stop del Patto di stabilità fino al 2022, ma avverte che bisognerà cominciare a passare dalla protezione alla creazione di posti di lavoro. E il vicepresidente spiega che gli Stati più indebitati devono evitare un ulteriore peggioramento e, quando sarà possibile, migliorare la situazione dei conti

(AP Photo/Francisco Seco, Pool)

La Commissione europea apre a una sospensione delle regole di bilancio anche nel 2022. Ma nel documento approvato ieri aggiunge anche: «Mentre le economie e certi settori specifici passano alla ripresa, le autorità dovrebbero accelerare gli incentivi per i lavoratori e le politiche dovrebbero evolvere dalla protezione del rapporto dipendente-azienda all’aumento delle opportunità per i disoccupati». Un avvertimento agli Stati membri, ma soprattutto ai Paesi molto indebitati come l’Italia. Che viene sottolineato anche dal vicepresidente della Commissione Ue Valdis Dombrovskis in un’intervista al Corriere.

«Dovremmo passare dai sostegni di emergenza, che includono programmi come la cassa integrazione, a politiche di mercato del lavoro più attive», dice. «Presenteremo raccomandazioni in questo senso. Non settore per settore, ma concentrandoci su come eseguire questa transizione e come usare per essa i fondi europei. Questi aspetti sono legati alla trasformazione verde e digitale, che implica spostamenti nel mercato del lavoro. Non serve a molto cercare di conservare l’economia del passato. Piuttosto, è il caso di facilitare il passaggio verso posti di lavoro più verdi e digitali».

La transizione, certo, dovrà essere graduale. «Non fissiamo una data, le situazioni potrebbero essere diverse da un Paese all’altro», spiega Dombrovskis. «Ci sono economie che tornano più rapidamente alla crescita, altre che potrebbero avere problemi in qualche misura più prolungati. Quella che suggeriamo è una direzione generale. Parliamo dell’esigenza di sostenere la transizione da una disoccupazione indotta dalla crisi o da misure come la cassa integrazione verso le nuove opportunità di lavoro nei settori del futuro».

Quanto alla sospensione delle regole di bilancio, precisa: «La clausola di fuga dal Patto di stabilità è generale, non specifica per alcuni Paesi. Riguarda tutti. Quel che delineiamo è che questa clausola di sospensione dalle regole resti attiva anche nel 2022, per essere disattivata nel 2023. E riguarda l’intera Unione europea».

Ma ci sarà comunque un approccio differenziato: «Già nelle raccomandazioni specifiche indirizzate a ciascun Paese prevediamo per il bilancio del 2022, benché sempre in sospensione del Patto, che i governi con un basso livello di rischio di sostenibilità dei conti continuino nel sostegno di bilancio». I Paesi con un debito elevato come l’Italia, invece, «mentre continuano anche loro politiche di bilancio che sono di sostegno all’economia, diciamo nelle raccomandazioni specifiche, riguardo alle leggi di bilancio del 2022, che siano attenti e abbiano comunque cura della sostenibilità di bilancio nel medio periodo. Questo è un elemento di differenziazione che indichiamo».

Dombrovskis si spiega meglio: «L’idea della differenziazione nelle raccomandazioni-Paese riguarda anche i Paesi a alto debito e sì, è qui che Next Generation Eu entra in gioco: è disegnato soprattutto per aiutare Paesi in questa situazione. È per questo che l’Italia è nettamente il maggiore percettore dei trasferimenti diretti e anche la Grecia lo è, in proporzione alla sua economia. Questi trasferimenti permettono di dare stimoli senza far salire il debito».

Però, è anche vero che «i Paesi ad alto debito devono evitare un ulteriore peggioramento della posizione di bilancio sottostante e, quando sarà possibile, migliorare la situazione dei conti. Ma questo non significa che debbano ritirare il sostegno di bilancio in maniera brusca o prematura. Piuttosto, dovranno essere molto seri su come o dove spendono i loro soldi e cercare di far sì che le misure siano temporanee e mirate là dove serve realmente. Non sarebbe opportuno, se finissero con un onere permanente sul deficit».

Quando si tornerà poi alle regole di bilancio normali, «lo faremo da livelli di deficit e debito più alti e in condizioni diverse nel ciclo economico. Bisognerà tenerne conto». Quanto alla riforma del Patto di stabilità, «sappiamo che fin dagli anni ‘90 ci sono sempre state differenze di vedute sulle regole. Non sono scomparse», ammette il vicepresidente. «Certo, la crisi Covid offre lezioni da assorbire. A tempo debito vedremo quanto il tono del dibattito sarà cambiato. Ma già prima di Covid c’era accordo generale su un punto: queste regole vanno rese più semplici».

Ma con i rendimenti dei titoli di Stato che risalgono e il rischio di far salire il costo del nuovo debito, torna attuale anche il Mes. «Quel programma è lì ed è disponibile per tutti gli Stati che lo vogliano usare. Ha tassi d’interesse favorevoli», chiuse Dombrovskis.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, così come i giornali di carta e la nuova rivista letteraria K, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta

Linkiesta PaperIl nuovo numero quintuplo de Linkiesta Paper – ordinalo qui

In edicola a Milano e a Roma dal 4 marzo, oppure ordinabile qui, il nuovo super numero de Linkiesta Paper questa volta è composto di cinque dorsi: Linkiesta, Europea, Greenkiesta, Gastronomika e Il lavoro che verrà.

Con un inserto speciale su Alexei Navalny, un graphic novel di Giovanni Nardone, l’anticipazione del nuovo libro di Guia Soncini “L’era della suscettibilità” e la recensione di Luca Bizzarri.

Linkiesta Paper, 32 pagine, è stato disegnato da Giovanni Cavalleri e Francesca Pignataro. Costa dieci euro, più quattro di spedizione.

Le spedizioni partiranno lunedì 1 marzo (e arriverrano entro due giorni, con corriere tracciato).

10 a copia