Effetto pandemiaIl massiccio esodo dei lavoratori stranieri dal Regno Unito

Nel 2020, 1,3 milioni di persone hanno lasciato il Paese, di cui 700.000 solo a Londra, diventando così la più grande migrazione dalla seconda guerra mondiale. La ristorazione e l'ospitalità sono i settori più colpiti dalla pandemia, con 300mila tagli di posti di lavoro tra febbraio e novembre dello scorso anno

LaPresse

Pubblicato originariamente sullo European data journalism network

Che bel modo di iniziare l’anno. Lo scorso gennaio, Michael O’Connor e Jonathan Portes, due statistici dell’Economic Statistics Center of Excellence (l’ESCoE, un centro di ricerca collegato all’Ufficio britannico per le statistiche), hanno pubblicato un esplosivo post sul blog  nel 2020, 1,3 milioni di persone hanno lasciato il Regno Unito, di cui 700.000 solo a Londra, diventando così la più grande migrazione dalla seconda guerra mondiale.

L’Osservatorio sulla migrazione all’Università di Oxford, un’istituzione molto rispettata dall’altra parte della Manica, riconosce che c’è stato un esodo di espatriati negli ultimi mesi. Tuttavia, il centro di ricerca afferma di essere “scettico” su queste stime. E per una buona ragione: la principale fonte di dati utilizzata per misurare l’emigrazione e i flussi di immigrazione in entrata e in uscita dal Regno Unito – l’International Passenger Survey – è stata sospesa durante la pandemia.

L’indagine sulla forza lavoro (LFS) è la principale fonte di dati statistici sull’occupazione e la disoccupazione nel Regno Unito. Ma ancora una volta, i risultati dovrebbero essere presi con cum grano salis. A causa della pandemia, gli intervistati nel 2020 sono stati contattati per telefono e non faccia a faccia, cosa che ha influito in modo significativo sulla loro partecipazione. Tenendo conto delle diverse modalità di misurazione dei dati, l’Osservatorio stimerebbe quindi il numero di partenze tra 400.000 e 900.000 persone.

Questo per quanto riguarda la matematica. Per quanto riguarda i motivi che hanno spinto i lavoratori stranieri a partire, ognuno ha la sua idea sulla questione. Per l’ESCoE, la spiegazione ha un nome: Covid-19. «Per molti migranti, soprattutto quelli provenienti dall’Europa orientale, centrale e sud-orientale e soprattutto quelli che sono arrivati ​​di recente o hanno una famiglia a casa, la scelta sarebbe stata quella di restare qui, senza lavoro, con meno o senza soldi, e pagare per alloggi in affitto relativamente costosi – o tornare a casa dalla famiglia, con costi inferiori e molto probabilmente meno rischi di contrarre il virus. Non è una scelta difficile», hanno osservato gli autori.

Per quanto riguarda i profili dei migranti che hanno lasciato il territorio, Madeleine Sumption, direttrice dell’Osservatorio sulle migrazioni, chiede cautela. In un articolo pubblicato nel febbraio 2021, il ricercatore sostiene semplicemente che questi migranti potrebbero essere potenzialmente giovani, inclusi 342.000 europei e 550.000 non europei. Quando è stato chiesto di commentare, Madeleine Sumption ha aggiunto che la partenza di questi migranti non è stata necessariamente causata dalla perdita del lavoro: «Puoi lasciare il Paese pur mantenendo il tuo lavoro a tempo ridotto». Soprattutto, nulla dice che questi lavoratori stranieri non abbiano intenzione di tornare. «Alcuni hanno preferito unirsi alle loro famiglie perché hanno avuto l’opportunità di lavorare a distanza. Ma una volta che gli uffici riapriranno, probabilmente torneranno», dice.

Per decine di migliaia di altri, il lavoro a distanza era tuttavia impensabile. «Molti immigrati, in particolare dall’Europa, hanno molte più probabilità di essere impiegati nei settori della ristorazione, alberghiero e di altri servizi che richiedono un contatto diretto. È quindi più probabile che il resto della popolazione sia stato messo a lavorare a orario ridotto o abbiano perso il lavoro», sostengono gli statistici dell’ESCoE.

La ristorazione e l’ospitalità sono infatti i settori più colpiti dalla pandemia, con 300.000 tagli di posti di lavoro tra febbraio e novembre 2020. Nel 2019 le aziende di questi settori impiegavano il 30% dei lavoratori stranieri (di cui il 13% europei). Secondo Unite, un sindacato, sono stati i primi ad essere cacciati. Bryan Simpson, che rappresenta l’industria della ristorazione in Scozia, ricorda l’esempio di un hotel a Pitlochry, nelle Highlands: «22 lavoratori, principalmente dell’Europa orientale, sono stati licenziati mentre i loro colleghi scozzesi mantenevano il lavoro o beneficiavano di brevi periodi di lavoro».

E poi ci sono quelli che non sono stati fortunati, come la 30enne Sophie. Nel marzo 2020, la giovane francese, che ha vissuto a Londra per tre anni, era stata appena assunta come chef in un ristorante di Margate, nel Kent, quando è stato annunciato il blocco. «Ero nuova, i miei capi non potevano permettermi di lavorare a orario ridotto», dice. Di conseguenza, la giovane donna si è trovata senza risorse e dopo un lungo viaggio è finita per tornare in Francia lo scorso agosto. Ora non intende tornare subito: «Fin da piccola ho sempre voluto diventare assistente veterinaria, così ho iniziato ad allenarmi. Il mio sogno è curare i gatti selvatici in Africa». Il tempo piovoso dell’Inghilterra dovrà aspettare.

E la Brexit, in tutto questo? Madeleine Sumption pensa che la Brexit non sia la causa di queste massicce partenze: «In realtà, sono l’economia e lo stato del mercato che hanno portato le persone a fare delle scelte, tanto meno la situazione politica. Dopo il referendum, sono arrivate meno persone nel Regno Unito, ma non ne sono rimasti molti altri». Maike Bohn, co-fondatrice di The3Million, un’organizzazione che si batte per i diritti dei cittadini dell’UE nel Regno Unito, creata dopo il voto sulla Brexit, ritiene che la Brexit abbia ancora un ruolo nell’incoraggiare le persone ad andarsene. «Una parte della popolazione europea è tornata a vivere nel continente lo scorso anno su richiesta dei coniugi britannici, che hanno detto loro che era la loro ultima possibilità di vivere in Europa», sottolinea Bohn. «Durante la pandemia, molti paesi europei hanno assunto personale sanitario».

Senza contare che con la Brexit i residenti stranieri hanno incontrato difficoltà nell’ottenere i benefici degli aiuti sociali. «Per coloro che hanno solo uno status prestabilito, [cioè, con il permesso di rimanere sul territorio per cinque anni, ndr], c’è un’enorme pila di documenti da compilare», dice Bohn. Sophie può testimoniarlo: dopo aver perso il lavoro, ci sono voluti mesi prima che potesse beneficiare del credito universale, il nuovo pagamento mensile unico per aiutare i cittadini britannici con il loro costo della vita. L’amministrazione alla fine cedette quando la giovane donna minacciò di chiedere il rimborso della tassa in eccesso pagata. «Avevo lavorato molto negli ultimi mesi. Si sono spaventati e hanno accettato di darmi la mia indennità».

Di fronte a queste massicce partenze, i rappresentanti della ristorazione e del settore alberghiero non hanno voluto commentare. UKHospitality, organizzazione che rappresenta 700 aziende del settore, non ha risposto alle nostre richieste. Per quanto riguarda la British Beer and Pub Association, hanno semplicemente risposto via mail: «Non pensiamo di potervi dare molte informazioni. La pandemia ha portato alla chiusura del nostro settore per dodici mesi, quindi è molto difficile misurare l’impatto ha avuto e avrà quando riapriremo quest’estate».

Ma Unite, il sindacato, pensa che la crisi debba servire da elettroshock: «Per mantenere i propri dipendenti, le aziende dovranno aumentare i salari e offrire contratti di lavoro più sicuri. Oggi lo stipendio medio nella ristorazione è di 8,50 sterline. un’ora [9,20 euro], che è inferiore al salario minimo», afferma Bryan Simpson.

Nei prossimi anni nel Regno Unito arriveranno sempre meno lavoratori stranieri. Il nuovo sistema di immigrazione richiede ai futuri arrivi di guadagnare 25.000 sterline (28.972 euro) all’anno. Un’enorme differenza rispetto allo stipendio di un cameriere.