Desiderio e libertà Di che cosa parliamo quando parliamo di fame

Usiamo questa parola per indicare la mancanza di cibo, ma anche l'impossibilità di realizzare un desiderio, la voglia di vivere un'esperienza particolare, o di vivere e basta, ma non sappiamo quanto queste necessità così diverse, siano profondamente interconnesse

Fame. A cosa pensi quando formuli questa parola? La maggior parte delle persone percepirà immediatamente la sensazione di vuoto e il bisogno di mangiare. Innanzitutto, si tratta di un bisogno corporeo fondamentale ed essenziale. L’etimologia di questa parola riporta al dolore e al disagio causati dalla mancanza di cibo. Se riusciamo a soddisfare la nostra fame, possiamo sopravvivere.

Eppure questa è una parola che sembra apparire nelle più strane circostanze da molti millenni. Siccome non sono una filosofa né una teologa, non posso certo scrivere un saggio sul perché “fame” sia diventata una parola che viene usata per indicare un forte desiderio, una bramosia, una voglia, una speranza per tante cose. Pensa alle prime frasi che ti vengono in mente: fame di giustizia, fame di libertà, fame di potere, fame di ricchezze, fame di conoscenza, fame di cambiamento, fame di fama, fame di avventura e fame di immortalità.

Questa è la mia lista, composta così, senza pensarci. Immagino che potresti inventare una lista simile o completamente diversa, a seconda del tuo background culturale, sociale, economico e politico. Quali sono i tuoi desideri più profondi e oscuri? È questa la tua fame? È la parola corretta per indicare un desiderio intenso, un desiderio disperato?

Secondo Juan Manuel Garrido nel suo libro “On Time, Being, and Hunger: Challenging the Traditional Way of Thinking Life”: «La vita è essenzialmente fame, fame di vita. Non c’è vita senza fame. La fame è la negazione della morte nella vita». Questo ci porta direttamente a uno degli usi più potenti della fame. È il quarto dei proverbi, o parabole, che si trovano nel Vangelo di Matteo, nelle Beatitudini, e Gesù lo menziona nel discorso della montagna per insegnare ai suoi seguaci come comportarsi. La fame di giustizia diventa fame di Dio e di santità e solo Dio può soddisfare questa fame. Qualcosa di simile si leggeva anche nei Salmi.

Continuando su questa linea abbiamo la fame di immortalità e di nuovo un altro potente scrittore e saggio come Miguel de Unamuno, che in “The Tragic Sense of Life” dice: «La fame di immortalità che sentiamo è quella di continuare a vivere in questa vita e nell’altra con piena coscienza, la stessa coscienza che possediamo ora». Diventa molto complicato poiché la fame in entrambi i casi è collegata a un desiderio più elevato: una fame di Dio o di santità. Unamuno non desidera solo la santità, ma vuole essere sicuro di possederla anche nell’aldilà.

Guardando la fame descritta in termini rigorosamente etimologici, nella mitologia greca si dice che il Dio Hermes abbia inventato la menzogna da un semplice bambino, perché aveva fame e un forte desiderio di carne e perciò aveva rubato 50 capi di bestiame appartenenti ad Apollo e poi aveva inventato con abilità e fantasia grandi menzogne sulle proprie colpe. Questo è uno dei miei miti preferiti ed Hermes è la mia divinità greca preferita. Il Trickster, il matto, è un archetipo che si trova in molti miti e in molte culture. Hermes, per esempio, è considerato un imbroglione.

Quello che sappiamo di queste figure è che tendono ad essere dirompenti e a causare il caos, Lewis Hyde in “Trickster Makes this World: Mischief, Myth and Art“, afferma che la loro intelligenza creativa deriva dal loro appetito. Il truffatore è sempre affamato e sembra che per questo non riesca a rispettare le norme e gli schemi esistenti. Quindi, l’imbroglione può interpretare l’idea di fame di avventura, fame di conoscenza (il vaso di Pandora, in cui torna di nuovo Hermes, inevitabilmente aperto da una fame di curiosità), fame di cambiamento, una fame basica, insomma, che molto probabilmente porterà sempre al cambiamento, buono o cattivo.

Un libro meraviglioso e molto interessante è “Hunger for Freedom: The Story of Food in the Life of Nelson Mandela” di Anna Trapido. Un modo davvero interessante di osservare la vita di Nelson Mandela da bambino, fino ai suoi anni di lotta per i diritti dei sudafricani neri, ai suoi anni in prigione e ai successivi anni trascorsi tentando di creare e guidare una nuova nazione. Nella narrazione della sua vita sono incluse ricette, dalle salse ai panini, a pasti e ricordi di cibo che lo hanno sostenuto e hanno sollevato il suo spirito durante le molte prove affrontate.

Un altro bell’esempio di ricordi alimentari come fonte di forza in una prova terribile e impossibile sono i cinque libri di cucina conosciuti che sono sopravvissuti all’Olocausto. Le donne nei campi di concentramento praticavano quella che veniva chiamata cucina di fantasia e parlavano di ricordi alimentari, o in molti casi condividevano ricette di famiglia. Questa condivisione di tradizioni culinarie sia religiose che familiari le aiutava a concentrarsi non sulla loro fame impossibile, o sull’anormalità della loro vita quotidiana, ma sulla ricchezza della loro cultura e sui ricordi importanti. Quelli che potevano, annotavano questi ricordi su pezzi di carta, o su qualsiasi cosa su cui potevano scrivere, usando carta e matite rubate, qualsiasi cosa.

Un libro che finì in Australia fu creato da un’allora sedicenne, Edith Peer, che fu “fortunata” perché venne scelta per lavorare in un ufficio nel campo, dove aveva accesso a carta e strumenti di scrittura. Non aveva mai cucinato, ma si dilettava a scrivere le ricette di cui le donne parlavano nei loro momenti liberi, e questo forse la aiutò nel suo forte impulso di sopravvivere al calvario. Raccolse 97 ricette che includono torte, creme e pasti familiari come gulasch, cavoli ripieni, zuppe e molti altri ricordi che univano le donne di diverse origini etniche e religiose, unite dalla loro grande e impossibile fame e dal desiderio ancora più grande: la fame di condividere i loro ricordi alimentari e così sostenersi a vicenda. Peer sopravvisse ed emigrò in Australia, morendo nel 2003 e il sul libro, conosciuto come “Il libro di cucina di Ravenbrück” (1945) si trova ora nel Museo Ebraico di Sydney.

Un altro di questi libri di libertà, come lo vedo io, è il “Mina’s Recipe Book” che contiene settanta ricette di Mina Pachter, che venne rinchiusa nel Campo di concentramento di Theresienstadt ma, a differenza di Edith Peer, non sopravvisse alla detenzione.

In Memory’s Kitchen – A Legacy from the Women of Terezin” di Michael Berenbaum e curato da Cara De Silva, contiene invece le ricette delle donne del ghetto e del campo cecoslovacco. Si tratta di tre dei sei libri che mostrano come la fame e il desiderio di libertà vadano di pari passo. Il documentario francese del 2015 “Imaginary Feasts” mostra come avvenisse questa condivisione di ricette e ricordi alimentari non solo nei campi di concentramento nazisti e nei Gulag, ma anche nei campi di prigionia giapponesi. Così, la condivisione di questi ricordi si conferma una forma umana, universale e innata di resistenza passiva, capace di creare, forse, una scintilla di speranza e conforto per i prigionieri. Il focolare immaginario.

L’amore e il conforto possono essere dati attraverso il cibo, attraverso i ricordi del cibo, i ricordi di quando si cucina insieme o di quando si condivide un pasto. Possono fornire speranza, un futuro desiderato e, in alcuni casi, fornire una forte volontà di sopravvivenza. Questo può contrastare la fame di potere e di dominio. Uno strumento potente.

Quindi, se l’amore si mostra attraverso il cibo, allora ha senso per me, in ogni caso, che la fame sia una parola che si riferisce a grandi passioni e a desideri più alti della semplice mancanza di cibo. La mancanza di libertà significa l’incapacità di essere saziati dal cibo, dai piaceri, dalla libera scelta di leggere un libro, suonare uno strumento, creare un’opera d’arte. Le nostre menti e i nostri corpi devono essere alimentati, poiché le nostre menti hanno fame di conoscenza, di libertà, di amore.

Sembra che i ricordi del cibo possano stimolare la resistenza e la speranza, possano riscaldare le nostre anime, possano farci sognare, accendere un senso di gioia anche in momenti di totale disperazione e disperazione. Così i bei ricordi alimentari sono in qualche modo uno strumento necessario per la nostra sopravvivenza, sia fisica che mentale. I ricordi alimentari possono nutrire la nostra anima che ci permetterà di resistere e sopravvivere. Sembra così semplice, eppure quanti non vivono questo privilegio.

Le newsletter de Linkiesta

X

Un altro formidabile modo di approfondire l’attualità politica, economica, culturale italiana e internazionale.

Iscriviti alle newsletter