Crisi UcrainaI mercati affossano il rublo, sale il prezzo del grano e del gas

Il clima di incertezza e le sanzioni alla Russia danneggiano il Cremlino. La moneta russa ha perso il 30% del suo valore rispetto al dollaro e la Banca centrale del Paese ha deciso di alzare i tassi di interesse

Unsplash

Il rublo ha perso il 30% del suo valore rispetto al dollaro. L’effetto delle sanzioni sulla Russia per l’invasione in Ucraina si fanno sentire. A pesare è anche l’esclusione selettive delle banche dal circuito dei pagamenti. Anche per questo motivo la Banca centrale russa ha deciso di alzare i tassi di interesse al 20% per rendere più attraenti i suoi depositi. Secondo la Banca centrale europea potrebbero fallire presto le divisioni in Croazia e Slovenia dell’istituto di credito Sberbank Europe, controllata dalla banca russa Sberbank.

Le sanzioni e il clima di incertezza hanno avuto anche un effetto concreto sul prezzo del gas in Europa, salito del 35,72% nella Borsa di Amsterdam e del 25,32% in quella di Londra. Anche il prezzo del grano è in aumento dell’8,7% sui mercati internazionali. Aumenta anche il prezzo della soia (+3.9%) e mais (+5%).

Non si interrompe un’emozione, figuriamoci la Soncini!

X

Linkiesta senza pubblicità, per gli iscritti a Linkiesta Club

Iscriviti a Linkiesta Club