Strategia del buon esempioLa ricetta del design sostenibile non esiste, secondo Aric Chen

Il direttore del Nieuwe Instituut spiega che non c’è un unico modello di sostenibilità: è una questione di compromessi che dobbiamo accettare senza indugi. «Perché anche i capelli tagliati possono diventare materiale tessile», racconta a Linkiesta Etc

Ph. Giulia Virgara

Siamo soliti a pensare che la nostra società sia fondata sul consumo di beni. Per produrli, il modello capitalista ha dato vita a uno sfruttamento di tutte le risorse del Pianeta. Capiamo però ogni giorno di più che tutto si sta esaurendo. Cosa fare, allora? Come possiamo rendere ecologico il nostro vivere e, perciò, anche il bello e il design a cui è difficile rinunciare? 

Da una vita lavora su questo tema Aric Chen, attuale direttore artistico e generale del Nieuwe Instituut, l’istituto nazionale di design dei Paesi Bassi, che raccoglie – oltre allo spazio espositivo composto da quattro mostre temporanee – la collezione nazionale di architettura e pianificazione urbana olandese, la Sonneveld House, esempio di architettura funzionalista dei Paesi Bassi. Chen mette così in discussione il ruolo del consumo nell’era attuale, sfidandone lo scopo e la percezione, chiedendosi in che modo le nostre abitudini di consumo stiano contribuendo ai problemi che il mondo attualmente affronta.

L’abbiamo incontrato di persona a Milano in occasione della presentazione del concept di New Store, una nuova concezione di negozio che verrà introdotta stabilmente a Rotterdam. Questo progetto non solo offrirà prodotti più “adatti”, ossia sostenibili, ma sfiderà anche l’intero modo di gestire un negozio. L’obiettivo è testare, insieme a pensatori e consulenti del settore, «dove siano le frizioni» e come affrontarle in modo concreto e innovativo, perché fornire esempi reali è il mantra di questo designer-antropologo. Nel 2024, il progetto si è concentrato sull’uso dei capelli umani come materia prima. I visitatori non solo hanno donato i propri capelli, ma partecipato attivamente al processo di trasformazione, convertendo un “rifiuto” in un prezioso filato sostenibile. 

Ph Cmarwan Magroun

Abbiamo quindi discusso e riflettuto insieme per comprendere appieno il modello proposto da Chen e ragionare così sul futuro. Il risultato è un racconto sull’esplorazione del paradigma in evoluzione delle pratiche istituzionali e del design contemporaneo, che attraversa i tre continenti in cui Chen ha vissuto: dalla natia Chicago, al ruolo di professore presso il College of Design & Innovation presso l’Università Tongji a Shanghai; dall’attività di curatore alle fiere Design Miami a Miami Beach e Basilea fino al suo più recente incarico in Europa.

Affronti spesso il tema del consumismo. Quanto sei stato influenzato dal tuo americano e cinese?
«Sono nato e cresciuto negli Stati Uniti. Dopo i primi anni a Chicago, ho vissuto in California e poi a New York, ma nel 2008 mi sono trasferito a Pechino. I miei genitori sono nati in Cina ma sono cresciuti a Taiwan. Mio padre era uno scienziato accademico, mentre mia madre ha studiato relazioni internazionali. Provenendo da una famiglia cinese-taiwanese emigrata in America, sono sempre stato interessato a guardare la realtà da prospettive diverse: non esiste un solo modo di pensare e vedere il mondo. Forse sono stato facilitato dal fatto che la mia famiglia mi ha sempre incoraggiato a cambiare prospettiva con facilità. Ho sviluppato presto un interesse per l’antropologia, e quando sono andato all’università, ho studiato architettura e antropologia. Non sono sicuro di quanto fosse una decisione consapevole, ma sono cresciuto a Chicago, nota per la sua architettura, che è in qualche modo radicata nella cultura della città. Sono sempre stato interessato ad altre culture, quindi quando dovevo scegliere cosa studiare all’università, ho scelto l’architettura istintivamente»

Architettura, design e antropologia. Come hai combinato questi approcci allo spazio abitativo?
«Sono stato fortunato: naturalmente, ho sempre amato l’architettura sia dal punto di vista del design che sociale, e il programma di architettura di Berkeley aveva anche un forte angolo sociale. Tuttavia, sentivo di passare tanto tempo solo in edifici belli e che mi mancava una prospettiva più ampia, per andare oltre, non solo fisicamente. Ho così aggiunto l’antropologia ai miei studi: non c’era una strategia o una visione di dove stavo andando, o piuttosto, l’istinto mi ha guidato verso una visione profondamente personale di cui non ero ancora consapevole. In definitiva, sono sempre stato interessato al mondo nella sua complessità culturale ed estetica, a come lo plasmiamo e come siamo plasmati da esso. Con l’architettura puoi studiare le implicazioni spaziali, mentre con l’antropologia, la dimensione culturale e sociale. Così, quando sono andato alla scuola di specializzazione, ho deciso di studiare la storia del design perché sentivo che era l’elemento mancante». 

Hai trovato la soluzione nella tua tesi finale?
«Stiamo parlando di molto tempo fa. A metà degli anni Novanta ho studiato e scritto di un progetto per alloggi di transizione appena costruito a Oakland, in California, proprio accanto a Berkeley, per i senzatetto. Era un complesso progettato da una società chiamata Payatok mirato a facilitare l’autonomia delle persone senza fissa dimora. Ero interessato ad analizzare i modi in cui cercavano di farlo: ho intervistato gli architetti, ma anche i senzatetto che avrebbero dovuto abitare quello spazio, e infine ho interagito con vari attivisti che hanno seguito la creazione di questo progetto. È stato il punto di fusione “formale” dei miei interessi, che coltivo ancora oggi».

ph. Giulia Virgara

Il ruolo della sostenibilità è centrale nel tuo lavoro e nel tuo approccio multidisciplinare. Perché, secondo te, è un tema rilevante?
«Penso che sia percepito come una vera sfida nel mondo di oggi, e alla fine la Milano Design Week lo dimostra. Ci sono stati grandi miglioramenti, ma non stiamo ancora facendo quanto dovremmo. Penso che i sistemi in cui viviamo, che si tratti di capitalismo o altro, siano ancora troppo radicati. Abbiamo creato un’economia e una società basate sull’estrazione di materiali, sullo sfruttamento, e in molti casi, non solo del lavoro ma anche delle comunità da cui provengono quei materiali. Tutto ciò è poi guidato dai combustibili fossili. Quindi la sostenibilità è la sfida non solo del design ma del nostro mondo».

Cosa manca in Occidente e qual è la situazione in Cina?
«In Occidente, probabilmente, c’è una cultura più forte tra i designer stessi nell’affrontare la questione, ma mi dispiace notare come a volte il modo in cui viene fatto è discutibile. Quanto spesso ci perdiamo a chiederci la vera domanda, ovvero in che misura è possibile un cambiamento sistemico? Perché viviamo in un sistema guidato dal mercato dove gli stati sono relativamente deboli. Nonostante tutte le limitazioni della questione della vera democrazia, in Cina c’è la consapevolezza che per rendere possibile il cambiamento sistemico c’è una dipendenza dal ruolo attivo del governo: è l’investimento statale del governo e la promozione delle energie rinnovabili che alla fine fanno la differenza e rendono possibile per i designer lavorare sulla sostenibilità. Ovviamente, in Cina, hanno più facilità nel decidere, nel bene e nel male».

In che modo le istituzioni museali e culturali possono rendere il design più etico e sostenibile?
«Possono e devono fare la differenza. Le istituzioni hanno il dovere di proporre soluzioni non solo a livello teorico, ma anche di creare esempi tangibili di cambiamento, oltre a creare spazi di discussione e, naturalmente, come fa la tua, creare spazio per i giovani designer, che sono il futuro in ogni senso. Quindi penso che possiamo andare oltre essere semplicemente luoghi di discussione, dibattito e presentazione per diventare anche banchi di prova dove, con il nostro pubblico, attuiamo speculazioni per iniziare a spostare l’ago nel rendere tangibili le nuove mentalità e modalità di comportamento necessarie». 

Qual è la soluzione per cambiare davvero il modello?
«Dobbiamo smettere di parlare di “soluzione”. Il problema è che non esiste una soluzione unica. Le sfide che affrontiamo a livello globale sono incredibilmente complesse, e anche ciò che ci ha portato agli innegabili pasticci in cui ci troviamo, molti dei quali sono il risultato di aver pensato per così tanto tempo che ci fosse una soluzione a portata di mano. Ovviamente, ci sono sempre conseguenze non previste nella soluzione proposta, e alcune soluzioni possono persino peggiorare il problema. Inoltre, la soluzione di una persona è spesso il problema di un’altra: stiamo solo spostando il problema da uno a un altro. Quindi l’unica soluzione possibile è negoziare sui diversi fenomeni con tutti gli attori e stakeholder in un modo che richiede un costante aggiustamento del compromesso. Sapendo che questo compromesso dovrà essere modificato nel tempo. So che non è facile, ma se lo fosse, anche questa intervista sarebbe superflua». 

È possibile una soluzione a medio-lungo termine? E cosa sta facendo la tua istituzione sotto questo punto di vista?
«Affrontare sfide a medio e lungo termine, e poi prospettive davvero lontane da esplorare, è necessario ma non sufficiente. Il ruolo delle istituzioni culturali risiede proprio in questo: con il progetto New Store alla Design Week abbiamo dimostrato che anche un prodotto di scarto come i capelli tagliati può già diventare materiale tessile e persino un capo d’abbigliamento, se non anche un’opera d’arte. Non ci aspettiamo che tutti domani donino i loro capelli per essere trasformati in tessuti che tutti indosseranno. Dobbiamo capire che la società tende a concentrarsi sulle soluzioni tecnologiche, economiche e politiche. Ma in realtà, in molti casi, non ci sono veri ostacoli tecnici, e anche le barriere economiche potrebbero essere affrontate attraverso la scalabilità, i sussidi, la riconfigurazione di diversi modi. Le barriere politiche possono essere superate attraverso la volontà e il sentimento pubblico. È tecnicamente e teoricamente possibile ora, non domani».

È un problema socio-culturale che stai combattendo?
«Esattamente, ciò che manca è la componente culturale. Cosa ci impedisce, in molti casi, di fare questi cambiamenti? È la nostra stessa mentalità, le nostre prospettive, la necessità di cambiare il nostro modo di pensare, fare e vedere il mondo. È qui che entrano in gioco la cultura e il lavoro delle istituzioni: questi tipi di esempi socio-economici sono motori di vero cambiamento culturale. Il nostro compito è prendere alcune di queste idee folli e renderle tangibili. Quando guardi alla storia del cambiamento, le cose sembrano strane e impossibili finché non diventano reali. Se diventano reali e funzionano in qualche modo, allora diventano normali e ovvie. Facendo questi progetti, rendendoli reali, puoi iniziare a spostare l’ago un po’». 

La tua istituzione comprende molte attività. È difficile trovare un filo conduttore e concentrarsi sulla sostenibilità?
«Assolutamente no, anzi, una strategia così sfaccettata permette di raggiungere il pubblico con grazia e a tutti i livelli. Il Nieuwe Instituut di Rotterdam è nato dieci anni fa dalla fusione di tre precedenti istituzioni, ciascuna con le proprie funzioni. Questo ci rende un’organizzazione complessa, ma è proprio quella complessità che ci dà molta libertà nell’affrontare il cambiamento globale complesso. Durante il mio mandato, ho voluto adattare un linguaggio classico e tradizionale al design con progetti che molti considerano futuristici e che per me, come ti ho detto, sono la realtà di oggi. Tuttavia, in questo modo, rispondo e rispetto il pubblico, avvicinandoli alla nostra visione del cambiamento senza spaventarli. Se mi chiedi se è complesso a livello organizzativo, la risposta è sì. Ma siamo un team ricco di professionalità e molto unito nei sentimenti e nelle aspirazioni. Anch’io ho avuto una vita da freelance, e quando mi hanno offerto la direzione di questa istituzione ero spaventato: all’inizio ho rifiutato. Ma poi ho cambiato idea. È l’unico posto al mondo che ha avuto la possibilità, la fortuna e il merito di avere questo coraggio; l’unico posto dove potevo lavorare rispettando pienamente chi sono e la mia storia di architettura, design e impegno sociale». 

courtesy of Nieuwe Instituut

Per concludere, puoi darci qualche anticipazione del padiglione olandese all’Expo di Osaka (13 aprile 2025-13 ott 2025),  per il quale tu e il Nieuwe Instituut di Rotterdam siete stati nominati come team curatoriale?
«In realtà non sarà un padiglione fisico, ma un programma di esperienze che si svilupperanno in tutto il Giappone per sei mesi. In un mondo così complesso, anche l’Expo può essere diversa oggi: lo dimostriamo con una strategia curatoriale dal basso verso l’alto condivisa con il maggior numero possibile di stakeholder, non solo nel design e nell’architettura, ma nei campi culturali dalle arti visive e performative alla letteratura, il cinema, persino il gaming».

Le newsletter de Linkiesta

X

Un altro formidabile modo di approfondire l’attualità politica, economica, culturale italiana e internazionale.

Iscriviti alle newsletter