Fronte unitoMeloni si aspetta dal summit Nato un messaggio di unità e sostegno all’Ucraina

La presidente del Consiglio si trova a Washington per il settantacinquesimo anniversario della Alleanza atlantica e ha commentato il bombardamento russo all’ospedale di Kyjiv: «Quando si aggredisce così la popolazione civile, con questa veemenza, accanendosi sui bambini, i segnali che arrivano sono decisamente altri rispetto a quelli che una certa propaganda russa vorrebbe far passare»

LaPresse

La presidente del Consiglio Giorgia Meloni è arrivata a Washington per partecipare al vertice Nato, portando con sé l’aspettativa che l’Alleanza, nel suo settantacinquesimo anniversario, invii un forte messaggio di unità verso l’Ucraina, sottolineando la necessità di mantenere un fronte unito contro l’aggressione russa. Meloni ha sottolineato l’importanza di un fronte compatto in un momento storico particolarmente delicato, esprimendo la necessità che la Alleanza Atlantica dimostri coesione e flessibilità per affrontare le nuove sfide globali.

Commentando la situazione in Ucraina, Meloni ha espresso profonda preoccupazione per le immagini dei bambini dell’ospedale pediatrico di Kyjiv, costretti a rifugiarsi in strada dopo il bombardamento russo. La presidente del Consiglio ha descritto queste immagini come «spaventose» e ha criticato con forza la veemenza degli attacchi russi contro i civili: «Quando si aggredisce così la popolazione civile, con questa veemenza, accanendosi sui bambini, i segnali che arrivano sono decisamente altri rispetto a quelli che una certa propaganda russa vorrebbe far passare».

Riguardo alla recente sconfitta del Rassemblement National di Marine Le Pen in Francia, Meloni ha descritto come troppo semplicistica l’interpretazione della sconfitta. Ha spiegato che nessuno dei tre principali schieramenti politici francesi è in grado di governare da solo, e che ci sono profonde divisioni interne che renderanno la formazione di un governo estremamente complessa: «Per esperienza personale dico che è più facile governare quando si condividono delle idee piuttosto che quando si condivide un nemico».

Meloni ha inoltre ribadito l’importanza dell’attenzione dell’Italia sul fronte sud della Nato, sottolineando che questa tematica è stata inclusa nelle conclusioni del vertice. Ha espresso soddisfazione per il lavoro svolto finora e ha evidenziato il continuo sostegno all’Ucraina, indicando che non mancherà neppure durante questo vertice: «La Nato deve saper immaginare il suo ruolo in un contesto geopolitico estremamente complesso».

Le newsletter de Linkiesta

X

Un altro formidabile modo di approfondire l’attualità politica, economica, culturale italiana e internazionale.

Iscriviti alle newsletter