Marchionne veste PradaBorsa: ci sono/ci vado/mah,forse. E’ tutta una questione di debiti?

Dopo un inizio quantomeno tiepidino oggi il titolo di Prada -che ha debuttato venerdi scorso sulla piazza di Hong Kong - è andato molto bene: in apertura il titolo ha fatto segnare un rialzo dell'8...

Dopo un inizio quantomeno tiepidino oggi il titolo di Prada -che ha debuttato venerdi scorso sulla piazza di Hong Kong – è andato molto bene: in apertura il titolo ha fatto segnare un rialzo dell’8% a 42,6 dollari, a fronte di un indice in calo dello 0,4%. Per poi chiudere con un +6,3% a 42,1 dollari.

Torno a bomba con la questione quotazioni: borsa e debito fanno così necessariamente rima? Al di là delle contingenze economiche, sarebbe bello guardare alla strategia di lungo termine.

Domani al Sole24Ore c’è la Terza Edizione del Luxury Summit – se siete twitterati e interessati potete non solo seguirlo live ma anche interagire direttamente twittando le domande a @24luxury – e ci saranno una serie di ospiti a cui vorrei porre questa domanda: chi è già in borsa come Diego della Valle, chi ci andrà presto come Brunello Cucinelli, chi forse ci va come Renzo Rosso.

Imprenditori italiani alla guida di aziende in qualche modo familiari che hanno deciso man mano di svincolare la propria impresa da questa natura familare (nel 2010 Renzo Rosso ha nominato Daniela Riccardi, ex Procter&Gamble).

Ha ragione Giorgio Armani o Miuccia Prada?

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta