Marchionne veste PradaTutti contro Armani (e Ferragamo debutta coi fuochi d’artificio)

Diego della Valle non le manda a dire. Ieri dal palco del 3 Luxury Summit del Sole24Ore le ha suonate a Giorgio Armani - sempre col suo aplomb un po' snob del tipo "non voglio che la casalinga di V...

Diego della Valle non le manda a dire. Ieri dal palco del 3 Luxury Summit del Sole24Ore le ha suonate a Giorgio Armani – sempre col suo aplomb un po’ snob del tipo “non voglio che la casalinga di Voghera compri su Internet le mie borse Tod’s insieme alle creme anticellulite”: frase che ha pronunciato realmente – dicendo che Re Giorgio avrebbe dovuto stare zitto sulla questione Prada: “un’iniziativa bella – ha detto Della Valle – che dà lustro anche all’Italia” e che, piuttosto, “avrebbe dovuto fare qualcosa di altrettanto rilevante come andare al Comune di Milano e impegnarsi a ristrutturare qualche monumento”. Touchè.

Del resto Della Valle è azionista di LVMH, quotato da 10 anni con ottimi risultati a Piazza Affari, azionista di Saks al 20% e ristruttura il Colosseo: chi potrebbe ribattergli?

A smentire Armani anche Cucinelli, re del Cachemire, appassionato di filosofia, soprattutto quella Benedettina, ha detto di quotarsi (a Piazza Affari, la primavera prossima) per ampliare e far crescere la propria azienda, magari interessando qualche manager internazionale.

Tutti contenti, insomma, (anche Rosso che quoterà Only the Brave nei prossimi anni, per dare trasparenza) tranne Jerusalmi (ad di Borsa Italiana) che, dispiaciuto per la quotazione Prada a HK spera in un secondo listing del gruppo a Milano.

Nel frattempo l’ad si sarà ripreso: oggi a Piazza Affari ha debuttato il titolo Ferragamo che in apertura ha stupito tutti con un +7,78%. Per ora debutto migliore di quello di Prada (anche se le premesse erano diverse).

“Il mondo della moda sta tornando interessante: tra fusioni, scalate ostili e quotazioni si ricomincia a trottare” dicono i giornalisti di moda.

Di fatto, questo vale per i big player. Le pmi arrancano e si vede.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, così come i giornali di carta e la nuova rivista letteraria K, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta