Marchionne veste PradaAltaRoma: se l’alta moda italiana guardasse a un mercato (come sarebbe?)

Stamattina alla sfilata di Raffaella Curiel c'erano posti vuoti in seconda fila. Una collezione molto curata, in ogni minimo dettaglio: dalla pelliccia ai drappeggi degli abiti, dai pizzi ai ricami...

Stamattina alla sfilata di Raffaella Curiel c’erano posti vuoti in seconda fila. Una collezione molto curata, in ogni minimo dettaglio: dalla pelliccia ai drappeggi degli abiti, dai pizzi ai ricami in pietre. Perfino i pantaloni cadevano alla perfezione sui corpi delle modelle che non sono certo quelle del pret-à-porter: sono alte, snelle, belle. Ci sono stati applausi, ma applausi dei vecchi amici seduti nel front row: mentre sfilava questa collezione, davvero raffinata, mi chiedevo se il target fosse solo una ricca signora romana sopra i 45. E, se si, perchè.

I ricchi di domani, non fanno che ripetere le statistiche, sono i giovani cinesi under 40, i giovani arabi e i brasiliani, i russi. Apprezzo la moda di Lella Curiel, che è un pezzo di storia della couture italiana, ma questi ricchi di domani li vedo addentare i plafond delle loro Mastercard e Visa Black per le vie di Parigi dove è possibile trovare ricerca e design innovativo, pezzi unici, giovani e freschi. Dove c’è ancora l’imbarazzo della scelta e non ci sono applausi che fanno rima con “memoria”. Un esempio per tutti: l’haute couture Dior che ha sfilato qualche giorno fa a Parigi era una collezione decisamente non all’altezza. E non c’è commento che non l’abbia fatto notare.

Qual è il mercato dell’alta moda italiana che sfila ad AltaRoma? Sono gli amici, i fan, gli affezionati? Perchè non si è capaci di avere una visione più ampia, proiettata sul futuro?

Intanto, prima della sfilata Curiel, ad AltaRoma impazza (ancora) la polemica. Il front row a una manciata di metri dalla presidente Silvia Venturini Fendi si scalda subito: “Se i politici si facessero i fatti propri”, “Rendiamo questa manifestazione appetibile per gli sponsor privati”, “Paragonarci a Parigi è un’idiozia: lì hanno dei budget assurdi”.

Il commento più sensato lo sento da un super insider “Una volta qui ad Altaroma sfilavano i giovani. Giovani che poi sono diventati Valentino, Armani, Versace. Oggi a puntare sui vecchi si sbaglia e si snatura la manifestazione”.

Quale sarà l’asso nella manica di AltaRoma quando l’anno prossimo verranno meno i 600mila euro della Regione (che, tra l’altro, da bravo ente pubblico pare sia in ritardo sui pagamenti per un totale di 1milione 200mila euro di debito con la società)?

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta