FuoriserieAmiche Nemiche: anche GCB entra nell’olimpo dei titoli tradotti con i piedi

Da Otto sotto un tetto a Il trono di spade: l'elenco dei titoli di serie TV tradotti in italiano in modo assolutamente improprio è destinato ad allungarsi. A breve approderà anche da noi GCB, chicc...

Da Otto sotto un tetto a Il trono di spade: l’elenco dei titoli di serie TV tradotti in italiano in modo assolutamente improprio è destinato ad allungarsi. A breve approderà anche da noi GCB, chicca televisiva (ahinoi di una sola stagione) della scorsa annata statunitense, che verrà presentato sulla TV del Bel Paese con il terribile titolo di Amiche Nemiche. Conquistando senza ombra di dubbio un posto nella top 3 dei titoli di serie TV peggio tradotti, insieme a E alla fine arriva mamma (How I Met Your Mother) e Terapia d’urto (Necessary Roughness).

La traduzione, figlia di un nazionalismo di cui – personalmente – non sento il bisogno, spesso diventa un vero e proprio stravolgimento del significato di una serie. GCB rappresenta le iniziali di Good Christian Bitches o Good Christian Belles, due titoli che perfettamente esprimono il cuore e l’anima di questo show, che ruota intorno a stronzette di prima categoria (Bitches), reginette di bellezza (Belles) e al tema chiave di questa serie, la religione (Good Christian).

A tutto questo si aggiunge il fatto che in molti casi la traduzione crea solo confusione. Esiste già, per esempio, una serie TV tedesca che da noi è stata chiamata Amiche Nemiche (le ipotesi sono due: o chi sceglie i titoli non controlla o la fantasia scarseggia). La stessa cosa accade per Terapia d’urto, titolo italiano per Necessary Roughness e sottotitolo esplicativo utilizzato per Nurse Jackie (da noi appunto conosciuta come Nurse Jackie – Terapia d’urto).

Mi chiedo, ma perché? Sul serio abbiamo così poca fiducia che gli italiani non sappiamo tradurre due parole in inglese? E, anche se fosse, non sarebbe una buona scusa per imparare qualche termine nuovo?

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta