Cazza la randaQuando gli elettori(di Renzi, in questo caso)non conoscono i programmi

In queste settimane di scontro tra i due principali competitors alle primarie di centrosinistra, stenta ad emergere il progetto-paese che Bersani e Renzi hanno in mente. Non contribuiscono certo a ...

In queste settimane di scontro tra i due principali competitors alle primarie di centrosinistra, stenta ad emergere il progetto-paese che Bersani e Renzi hanno in mente. Non contribuiscono certo a chiarire la rispettiva idea di fondo per il futuro del popolo italico gli appunti programmatici predisposti dai rispettivi spin doctor e uffici stampa.

L’importanza dei programmi è stata giustamente enfatizzata dai media e dagli analisti, pronti a sviscerare, punto per punto, il manifesto elettorale dei due contendenti.

Ma siamo certi che siano anche i contenuti a calamitare il consenso attorno alle figure dei due politici? E siamo proprio sicuri che i programmi, fatti bene o scritti con i piedi che siano, interessino gli elettori delle primarie e siano da questi conosciuti? Giudicate voi, guardando il bel video realizzato dal giornalista Stefano Aurighi, che ha intervistato i fan di Renzi “mescolando un po’ le carte”…Solo una provocazione, ovviamente, ma che la dice lunga sui criteri con cui gli elettori scelgono chi votare.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, così come i giornali di carta e la nuova rivista letteraria K, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta