In principio è cinemaIl cinema racconta la depressione post-parto

Non è un tema tra i più trattati dal cinema quello della depressione post-parto, ma casualmente (o forse no) nell'ultimo anno in Italia sono ben quattro i lavori che affrontano l'argomento.Due pr...

Non è un tema tra i più trattati dal cinema quello della depressione post-parto, ma casualmente (o forse no) nell’ultimo anno in Italia sono ben quattro i lavori che affrontano l’argomento.

Due presentati a Venezia 2011, “Maternity Blues” di Fabrizio Cattani e “Quando la notte” di Cristina Comencini, uno a Roma 2012, “Tutto parla di te” di Alina Marazzi, e uno – “Vacuum” di Giorgio Cugno – che dopo alcune presenza importanti ai festival è stato presentato nella città natale del regista, Torino, in una serata speciale organizzata dall’AMNC.

Film molto diversi tra loro, come stili e come risultati, che però pongono l’attenzione su un aspetto importantissimo della maternità, per il quale sarebbe il caso di fare molto di più: il 21% delle donne europee ne soffre, ha detto Cugno presentando il suo lavoro. In Italia la percentuale pare attestarsi al 16%, che comunque significa in numeri tra i 50 e i 75.000 casi all’anno.

Numeri oggettivamente alti, anche se ovviamente i casi sono molto vari tra loro, dai più gravi ai meno (ma non è detto che se mal trattati anche questi peggiorino), e per cui sarebbe il caso anche in Italia di agire meglio anche aiutati dai film.

“Tre settimane fa sono stato in Svizzera” ha raccontato Giorgio Cugno. “Vacuum è stato scelto dall’Ospedale di Lugano e dal Centro di Etica e Biomedica Svizzera per una proiezione non aperta al pubblico ma solo per addetti ai lavori del settore sanitario e madri che hanno avuto o hanno questo problema. Poi per due giorni il film è stato sezionato in ogni suo aspetto: al termine di questo lavoro è stato redatto un testo da proporre al sistema sanitario svizzero per modificare l’attuale approccio alla tematica”. Un risultato importante ottenuto grazie al cinema.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta