Penso dunque cliccoI posti in lista si pagano. Da 35.000 a 25.000 euro

Dai 35 mila euro ai 25 mila. È quello che chiedono il Pd e il Pdl ai loro candidati, nello specifico ai primi sei nella lista al Senato e i primi nove della Camera.  Quasi un pegno da pagare, tan...

Dai 35 mila euro ai 25 mila. È quello che chiedono il Pd e il Pdl ai loro candidati, nello specifico ai primi sei nella lista al Senato e i primi nove della Camera.

Quasi un pegno da pagare, tanto nel giro di pochi mesi i soldi rientrano nelle tasche degli aspiranti “onorevoli” attraverso i lauti stipendi pagati con soldi pubblici. E ai partiti rientrano con gli interessi con i “rimborsi elettorali”. Insomma sono soldi che i partiti spillano ai poveri candidati di “prima fascia”.

Ma se non si è eletti i soldi vengono restituiti assicurano dal PDL. Insomma soddisfatti o rimborsati.

Twitter @cenzaccio

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta