Tutto è permesso (o quasi)Eni e Finmeccanica sotto il fuoco amico delle procure. Continuiamo così, facciamoci del male.

La bufera giudiziaria che ha colpito l’Eni e il suo amministratore delegato Paolo Scaroni per l’ipotesi di una maxi tangente pagata al governo algerino costerà cara. Non solo all’Eni ma a tutto il...

La bufera giudiziaria che ha colpito l’Eni e il suo amministratore delegato Paolo Scaroni per l’ipotesi di una maxi tangente pagata al governo algerino costerà cara. Non solo all’Eni ma a tutto il Paese. Come già accaduto con Finmeccanica e Pierfrancesco Guarguaglini, prosciolto recentemente dalle accuse, oggi tocca all’Eni affrontare un periodo – non si sa quanto lungo – di incertezza manageriale ed operativa. E’ un altro e pessimo capitolo di una questione molto delicata che investe temi cruciali: il funzionamento delle grandi aziende, la trasparenza della loro attività, l’etica dei loro manager, la competizione internazionale, la corruzione nei paesi in via di sviluppo e la distribuzione della ricchezza che incassano per le loro risorse, il peso economico ed anche politico delle nostre aziende (e dell’Italia) nel mondo. Non conosco le carte dell’inchiesta e quindi nulla dico delle eventuali responsabilità di Scaroni. Posso però affermare che chiunque abbia fatto affari in determinati (e parecchi) paesi del mondo, tra Nord Africa, Medio Oriente, Estremo Oriente o Sud America, spesso e volentieri ha dovuto ungere i meccanismi, ossia pagare tangenti. Si tratta di un fattore spesso ineludibile di alcuni mercati, e non della cattiva inclinazione degli italiani. Diverso è invece il caso in cui le provviste di capitali all’estero e parte delle tangenti tornano in Italia per finire nelle tasche degli stessi manager o dei loro politici di riferimento. In questo caso stiamo parlando di manager infedeli che danneggiano la loro azienda e i loro azionisti. Nel primo caso invece parliamo di manager che competono con gli stessi mezzi (buoni o cattivi che siano) dei loro avversari, ossia le multinazionali di altri paesi. Non mi sembra intelligente farli fuori con il cosiddetto fuoco amico delle irreprensibili procure italiane.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, così come i giornali di carta e la nuova rivista letteraria K, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta