Tutto è permesso (o quasi)

Tutto è permesso (o quasi)

Come dicono i vecchi saggi (o rincoglioniti), viviamo in tempi di malinteso rigore morale. Saltati i riferimenti culturali e politici, il mondo è più complicato di quello dei nostri padri. Che dire.. è una faticosissima occasione per godere di quel gran bordello che è il mondo, con poche certezze e pochissime uscite di sicurezza. Quindi, come diceva il perfido Smerdyakov, figlio illegittimo e parricida ne I fratelli Karamazov, “tutto è permesso”? Via, non proprio tutto! Ci sono fatti, situazioni e personaggi che sarebbe meglio evitare. O perché troppo tossici, o perché troppo stupidi. Il resto non è male.

Non si interrompe un’emozione, figuriamoci la Soncini!

X

Linkiesta senza pubblicità, per gli iscritti a Linkiesta Club

Iscriviti a Linkiesta Club