PAPAGENO - Incursioni nella musica d’oggiIl duduk

È cominciato da qualche giorno il Festival Oboe, giunto ormai alla tredicesima edizione. A cura di Marika Lombardi, si svolge a Parigi fino al 24 febbraio. Ce n'é per tutti i gusti, oboe moderno, b...

È cominciato da qualche giorno il Festival Oboe, giunto ormai alla tredicesima edizione. A cura di Marika Lombardi, si svolge a Parigi fino al 24 febbraio.
Ce n’é per tutti i gusti, oboe moderno, barocco e duduk. In programma musiche che spaziano dall’antichità ad oggi, compresi brani medievali, prime esecuzioni e pezzi che lasciano spazio all’improvvisazione. Ottimi i musicisti, tra cui Olivier Rousset, Guillaume Cuiller e Nora Cismondi (primo oboe dell’Orchestre National de France).
In particolare, il 22 serata al centro Mandapa con Didier Malherbe dedicata al duduk, l’oboe armeno, strumento in legno di albicocco e ad ancia doppia che forse non tutti riconoscono dal nome ma certamente dal suono – tanta world music, colonne sonore hollywoodiane come Titanic e Il Gladiatore. La musica per duduk ha una lunga tradizione ed è considerata dall’Unesco patrimonio culturale immateriale dell’umanità. È una voce profonda, dolcissima e sofferente, il suono dell’anima.
www.oboeparis.com

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, così come i giornali di carta e la nuova rivista letteraria K, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta