Tutto è permesso (o quasi)Il PD cambia passo. Forse.

I tre CaballerosIl risultato finale è 43 a 55. Ossia chi vince è lo stesso dibattito delle primarie 2013, con un’età media di 43 anni (Cuperlo, Renzi e Civati), contro i 55 anni di età medi...

I tre Caballeros

Il risultato finale è 43 a 55. Ossia chi vince è lo stesso dibattito delle primarie 2013, con un’età media di 43 anni (Cuperlo, Renzi e Civati), contro i 55 anni di età media dei partecipanti al dibattito del 2012 (Bersani, Renzi, Puppato, Vendola e Tabacci). E’ ovvio che la giovinezza dei candidati e dei politici in generale non è garanzia di buona politica, riformismo, visione chiara dei problemi e delle possibili soluzioni. Ma al di là dei messaggi dei tre candidati, l’impressione uscita dal confronto andato in onda su SkyTG24 è che il disgraziato PD  finalmente cambia passo. Il partito dilaniato dalle convulsioni di un’infinita ricerca di un’identità politica e di una leadership, squassato da una perenne torsione introspettiva nella ricerca del proprio ombelico, oggi forse è pronto a lasciarsi alle spalle non solo il ventennio berlusconiano, ma anche il ventennio d’alemiano, veltroniano, bersaniano, napoletaniano e via dicendo.  E poi ognuno ha le sue idee e il suo radicamento: Cuperlo, la tipica espressione della scuola e dell’apparato del PD; Renzi, il rinnovatore senza se e senza ma (contenuti please?); Civati che sembra impegnato nell’operazione più difficile per un dirigente del PD, ossia mettere in campo un riformismo di sinistra. Per concludere, si tratta anche dell’operazione più nobile e utile non solo per il Partito Democratico ma per tutto il paese. 

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, così come i giornali di carta e la nuova rivista letteraria K, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta