Guarda bene la bollettaUn disastro annunciato

Quanto succede per i prezzi di benzina e gasolio si sta replicando per le bollette elettriche: a stroncare i consumatori non è il prezzo del petrolio ma sono i costi extra, e cioè tasse e balzelli ...

Quanto succede per i prezzi di benzina e gasolio si sta replicando per le bollette elettriche: a stroncare i consumatori non è il prezzo del petrolio ma sono i costi extra, e cioè tasse e balzelli assortiti.

Secondo AEEG – Autorità per l’Energia Elettrica e il Gas – il gettito delle componenti parafiscali, collegate alle bollette elettriche delle famiglie, pesa ormai come una manovra finanziaria: 11 miliardi nel 2012 e 14 miliardi nel 2013.

Il 90% di questo gettito copre gli incentivi alla generazione elettrica da fonti rinnovabili e assimilate.

In quattro anni il peso percentuale delle imposizioni pubbliche, di varia natura, è triplicato, passando dal 7% al 20%.

Per la normativa in vigore, è ragionevole attendersi che tale onere rimanga a carico della collettività per gli anni a venire e, quando aumenterà il prezzo del petrolio, spegneremo definitivamente la luce!

AEEG, che esegue gli ordini del Parlamento, non entra nel merito di come le imposizioni siano finite nelle bollette; non può sconfessare la politica degli incentivi e quindi non può che segnalare l’insostenibile situazione senza, peraltro, poter proporre azioni correttive.

Dovrebbero pensarci i Saggi, quelli del SEN, il documento di Strategia Energetica Nazionale, ma devono essere impegnati in qualche corso di aggiornamento.

Comunque, se da una parte, AEEG si limita a segnalare una situazione devastante per i consumatori, dall’altra sta lavorando al capacity payment, introdotto dalla legge di stabilità, che si aggiungerà inesorabilmente alle voci già presenti in bolletta.

Siccome, fino ad ora, è stato un compito facile fare il regolatore, mediando le imposizioni di Roma con gli enormi interessi delle lobbies energetiche, e limitandosi, a posteriori, a segnalarne i danni, AEEG chiede adesso il potenziamento dei suoi poteri.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta
Paper

Linkiesta Paper Estate 2020