Homo sumPer capire cos’è il coraggio, ricordiamo Giancarlo Siani e guardiamo Fortapàsc

A distanza di 34 anni dalla sua morte, Siani resta un simbolo della lotta seria alla criminalità organizzata, in un paese in cui le parate contano più dell’impegno concreto

di Francesco CariniHomo Sum

Sasà: Ci stanno i cani e ci stanno i padroni. Tu che vo’ fa’? U cane o u padrone?

Giancarlo Siani: Nessuno dei due… Io voglio fare il giornalista

Sasà: […] E magari vuoi fare pure il giornalista giornalista. Perché anche qua ci stanno due categorie… Ci stanno i giornalisti giornalisti e i giornalisti impiegati

Dialogo fra Sasà (Ernesto Mahieux) e Giancarlo Siani (Libero de Renzo), tratto da Fortapàsc, di Marco Risi, 2009

Per qualunque ragazzo/a che si approccia al giornalismo, non al gossip, Giancarlo Siani dovrebbe rappresentare il simbolo dell’attività impegnata che ha sacrificato la sua vita per raccontare la verità. Le sue inchieste si svilupparono nel territorio compreso fra Torre Annunziata e Napoli, ma la tecnica e la passione che lo animavano vanno aldilà dei confini regionali, facendo di lui un professionista di razza (a prescindere dall’inquadramento contrattuale, che ovviamente non costituisce l’essenza del giornalista).
Lo scorso maggio ho citato dei dialoghi tratti da I cento passi, in occasione dell’anniversario dell’omicidio di Peppino Impastato, e vorrei riproporre lo stesso “format” ogni qualvolta un film, conciliando fiction e realtà, riesce nell’obiettivo non solo di raccontare la storia di una vittima della criminalità organizzata, quanto in quello di descrivere la realtà in cui gli eventi si sono sviluppati e Fortapàsc di Marco Risi (con sceneggiatura dello stesso regista e autori quali Andrea Purgatori) rappresenta un bel prodotto del cinema italiano. Nel caso di Siani, interpretato sullo schermo da un bravissimo Libero de Rienzo, non soltanto le inchieste sul clan Gionta, ma gli articoli incentrati sui rapporti fra camorra e politica, hanno verosimilmente decretato la sua fama ma anche la sua condanna a morte.

Continua a leggere

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, così come i giornali di carta e la nuova rivista letteraria K, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta