Intervista

Il leader dei giovani monarchici: “Solo un re potrebbe salvare la politica italiana”

Simone Balestrini propone la sua idea di monarchia 2.0. “Non siamo fascisti come dice l’Anpi“, dice. “Il nostro modello sono le monarchie attuali europee. Siamo monarchici come può essere oggi un giovane olandese o norvegese”

Balestrini1

Simone Balestrini, leader dei giovani monarchici italiani (Foto: Lidia Baratta)

25 Aprile Apr 2017 0654 25 aprile 2017 25 Aprile 2017 - 06:54

Classe 1993, studente di giurisprudenza, monarchico. Simone Balestrini, 24 anni tra qualche giorno, è il segretario nazionale della sezione giovanile dell’Umi, Unione monarchica italiana. Tra una sessione d’esami e l’altra all’Università Cattolica di Milano, da due anni gira l’Italia per diffondere tra i giovani la sua nuova idea di “monarchia 2.0”. «Non siamo nostalgici», dice, «non guardiamo a un ritorno della monarchia italiana. Il nostro punto di riferimento sono le monarchie europee attuali. Siamo monarchici come può esserlo oggi un giovane danese, inglese, olandese o norvegese».

La sua palestra poltiica Simone l’ha fatta nel centrodestra, ed è stato candidato anche alle comunali di Milano nel 2016 nella lista di Nicolò Mardegan, senza essere eletto. Dal 2015, è alla guida dei giovani dell’Umi, presentandosi come il rottamatore della vecchia guardia dei monarchici italiani. Sneakers ai piedi, solo negli incontri ufficiali indossa lo smoking. E il tight quando va ad assistere al Royal Ascot («le corse dei cavalli sono la mia unica passione sui generis», ammette). «Per noi nati negli anni Novanta parlare di Umberto II ormai è come parlare di Napoleone», spiega. «C’è stato un cambiamento generazionale. Oggi l’associazione è composta da persone che sono monarchiche non per motivi storici ma per convinzione personale». La convinzione che «la monarchia sia la migliore forma di governo per il mondo moderno».

Simone, ma come sei diventato monarchico?
La mia famiglia non è monarchica, né così tanto appassionata di politica. Mi sono appassionato al mondo delle monarchie quando ero piccolo, leggendo i giornali e visitando i palazzi reali. A cinque anni ho cominciato a collezionare immagini dei sovrani europei. E per gli esami di maturità ho fatto una tesina sulla monarchia del terzo millennio. Ho letto libri, soprattutto sulla casa reale inglese, e alla fine mi sono convinto anche dal lato istituzionale-politico che la monarchia sia la migliore forma di governo per il mondo attuale.

Cosa significa essere un giovane monarchico nell’Italia del 2017?
Non andiamo in giro con il mantello o la spada. Solo agli appuntamenti nazionali, magari mettiamo lo smoking. Ma per il resto andiamo a ballare, facciamo sport, siamo appassionati di musica come tutti gli altri ragazzi italiani. Ci sono giovani che si sono avvicinati al movimento nel corso degli studi universitari, altri dopo un viaggio. La maggior parte non ha tradizioni nobiliari di famiglia alle spalle. Siamo solo impegnati a sensibilizzare le persone sulla possibilità di una forma istituzionale diversa. La Repubblica è in crisi, lo vediamo tutti i giorni. In Europa ci sono ben dieci monarchie che funzionano benissimo, che hanno dato esempio di stabilità negli ultimi anni. Pensiamo alle crisi di governo recenti in Belgio o in Spagna, ad esempio. Ecco perché davanti a un Paese in crisi come l’Italia, secondo me la soluzione può essere una monarchia costituzionale.

Perché la monarchia è la soluzione?
La monarchia dà la possibilità di avere un riferimento autorevole continuativo nelle istituzioni. Oggi le persone hanno bisogno di un leader di riferimento, e il monarca garantisce almeno l’unità nazionale molto più di qanto faccia oggi un partito o del presidente della Repubblica. Il sovrano è super partes, non come i nostri capi di Stato. Incarna l’identità nazionale, la storia, le tradizioni. Pensiamo a come i matrimoni, i compleanni o le nascite reali uniscono i cittadini in Gran Bretagna o in Olanda. In Danimarca ho visto ragazzi della mia età che si sono tatuati lo stemma della casa reale! Non solo. Ci sarebbe anche un risparmio in termini economici. Il Quirinale ci costa in media oltre 220 milioni di euro l’anno. La monarchia che in apparenza potrebbe essere più costosa, come quella inglese, costa 30 milioni di euro. E solo con la nascita della seconda figlia dei duchi di Cambridge in Gran Bretagna hanno guadagnato un milione di sterline tra gadget e altro. E con il ritorno della monarchia, la politica potrebbe diventare anche più pulita.

Simone Balestrini, leader dei giovani monarchici italiani (Foto: Lidia Baratta)

In che modo?
Si potrebbe avere una rigenerazione dei costumi, dando maggiore autorevolezza alle istituzioni. Oggi si fa spesso politica per interessi e non per ideologia. Per eleggere il presidente della Repubblica si fanno accordi sottobanco. I partiti nascono e muoiono nel giro di poco tempo. Ci sono scissioni e divisioni. Ma c’è una esigenza di continuità e di figure autorevoli. E il fatto che Giorgio Napolitano sia stato rieletto al Quirinale lo dimostra. Non a caso viene spesso chiamato “Re Giorgio”.

Ma la Costituzione italiana dice che la forma repubblicana non può essere oggetto di revisione costituzionale.
Oltre al ritorno delle salme dei Savoia in Italia, uno dei nostri cavalli di battaglia è proprio l’abrogazione dell’articolo 139 della Costituzione, scritto dopo gli anni del fascismo. C’è bisogno di una attualizzazione della carta costituzionale. Avevamo chiesto al governo Renzi di inserirla nella riforma della Costituzione, ma non lo hanno fatto. Servirebbe un referendum.

E chi dovrebbe essere il re d’Italia?
Noi sosteniamo i Savoia-Aosta. Per noi il pretendente al trono d’Italia è Amedeo Savoia-Aosta, che oggi ha 75 anni e vive in Toscana. Mentre il principe ereditario è il figlio Aimone, che lavora per la Pirelli a Mosca ed è stato anche chiamato dal governo italiano per gestire i rapporti tra Russia e Italia. Sosteniamo i Savoia-Aosta per una questione dinastica. Vittorio Emanuele ha sposato Marina Doria, persona di diversa condizione sociale, senza autorizzazione del sovrano e quindi ha perso il diritto al trono.

Quanti sono oggi i monarchici in Italia?
Fino al 2012 gli iscritti all’Umi erano 70mila, oggi sono circa 40mila, di cui un migliaio nel fronte giovanile. Molti politici oggi impegnati nelle istituzioni sono monarchici e partecipano ai nosri convegni. Ci sono persone di centrodestra, centrosinistra e molti anche Cinque stelle. Ma bisogna fare una distinzione tra gli iscritti al movimento e i simpatizzanti. Molti sono monarchici silenti.

Cosa significa?
Oggi in Italia definirsi monarchico significa avere una etichetta negativa e quindi tanti preferiscono non esporsi. In Italia c‘è una sorta di rimozione della monarchia per la sua vicinanza al fascismo. Pensiamo ai gioielli dei Savoia chiusi nel caveu della Banca d’Italia. Mentre negli altri Paesi i gioielli reali vengono esposti. Ancora oggi veniamo additati come fascisti. Ma non lo siamo. Un monarchico degli anni Settanta-Ottanta poteva essere un monarchico nostalgico e volere un ritorno di quella monarchia. Ma noi oggi siamo monarchici attuali, siamo democratici e abbiamo un rispetto profondo per le istituzioni. La nostra associazione è stata fondata nel 1944 ma ha avuto un’evoluzione. Basti pensare che Antonio Tajani, presidente del Parlamento europeo, è stato un mio predecessore. Questo dimostra il nostro profondo rispetto per le istituzioni e la democrazia.

E un monarchico 2.0 come festeggia il 25 aprile?
Il 25 aprile e il 2 giugno sono due feste tra virgolette orribili perché sono due feste di divisione del popolo italiano. Il 25 aprile dovrebbe essere una festa da ricordare come la liberazione di tutti, perché tutti hanno combattuto questa guerra. E molti partigiani, come Edgardo Sogno, erano monarchici. Ma il 25 aprile da sempre è una festa di divisione, di scontri di piazza. E se scendiamo in piazza anche noi, veniamo additati come fascisti spesso dalla stessa Anpi. Io sono nato nel 1993, per me il fascismo non esiste più. Sono un monarchico democratico ed europeo. Per noi nati negli anni Novanta parlare di Umberto II ormai è come parlare di Napoleone. Qualcuno dei grandi l’ha conosciuto o ha vissuto con lui in esilio. Ma molti di noi sono nati alla fine degli anni Ottanta o negli anni Novanta. Davanti a queste divisioni, preferirei festeggiare il 17 marzo, che è la festa della fondazione del Regno d’Italia, o il 4 novembre, che è la festa della vittoria dell’unica guerra che abbiamo vinto.

Quali sono ora i progetti dei monarchici italiani?
Dobbiamo far capire alle persone che possiamo essere un progetto attuale. I monarchici non vivono in biblioteca ammirando i quadri dei sovrani del Settecento. La strada è ancora lunga, è per questo che intendiamo dare il nostro contributo alle istituzioni portando avanti le nostre battaglie dall’interno. Proporremo di sicuro qualcuno dei nostri membri alle prossime elezioni politiche del 2018.

Avete un programma?
Non abbiamo un programma perché non siamo un partito. Ci sono stati esempi di partiti monarchici in passato che non hanno avuto fortuna. Ciascuno di noi ha un’idea sui principali temi economici e sociali, ma venendo da estrazioni politiche diverse anche le nostre idee sono molto diverse tra loro. Quello che ci unisce è la convinzione che la forma monarchica sia la migliore forma di governo. Al momento i tempi non sono maturi per costituire un partito, daremo un contributo alle istituzioni partecipando alla politica nei partiti. La strada per la monarchia è lunga, lo sappiamo, ma pensiamo che valga la pena spenderci tempo e denaro perché questa può essere una soluzione per il nostro Paese. Come diceva Umberto II, “l’Italia innanzitutto”. E questo è anche il nostro motto.

Potrebbe interessarti anche