L'invasione dei migranti è una balla colossale (la nostra incapacità no)

Numeri, statistiche e libri di storia alla mano, la cosiddetta invasione dei migranti è una cosa superabilissima. Se solo l’Europa fosse unita. Ma dalle dichiarazioni di Macron in poi, i leader Ue dicono una cosa e ne fanno un’altra

Migranti in partenza dalle coste libiche

Taha JAWASHI / AFP

Taha JAWASHI / AFP

30 Giugno Giu 2017 0718 30 giugno 2017 30 Giugno 2017 - 07:18

La questione dei flussi migratori si rivela ogni giorno di più la tempesta perfetta per la fragile barca della Ue, bucherellata in pari misura dai ritardi culturali e dalle inanità politiche. In Europa si scontrano due fronti che dicono cose opposte ma fanno la stessa cosa perché, in estrema sintesi, uno non ha la testa per capire e l'altro non ha le palle per agire.

Cominciamo da quelli, solitamente detti “ di destra” o “populisti”, che propongono ricette mai davvero spiegate e quindi inconcludenti (tipo: “aiutiamoli a casa loro” o rimandiamoli al mittente) perché temono l'invasione.
Diventerà mai possibile spiegar loro che non c'è alcuna invasione? I numeri dei migranti paiono enormi perché ad affrontarli c'è giusto un pugno di Paesi, l'Italia e la Grecia soprattutto. In queste condizioni, 1 milione e 200 mila richieste d'asilo come quelle presentate nel 2016, l'anno record, ovviamente sembrano (e sono) un'enormità. Ma sono poca roba se confrontate con la realtà europea, un insieme di Paesi che conta 503 milioni di abitanti (6,9% della popolazione mondiale) e vale il 20% degli interscambi commerciali globali. Tanto più che queste richieste sono per lo più respinte: in Italia il 61%.

Inoltre: se ci fosse una vera invasione, saremmo già stati...invasi. Basta dare un'occhiata di fronte a noi. In Medio Oriente vivono 410 milioni di persone che per il 32% hanno meno di trent'anni. In Africa vive la maggioranza di quel miliardo e 200 milioni di persone che hanno meno di 25 anni. Ma non solo. Sono tutti in Africa i cinque Paesi del mondo con l'età media più bassa. Ovvero: Niger, con l'età media a 15,1 anni; Uganda e Mali, 15,5 anni; Malawi e Zambia, 16 anni. Il che fa sì che nel continente africano l'età media sia 28 anni, contro i 46,1 della Germania, i 44,5 dell'Italia e i 44,3 dell'Austria. Aggiungiamo le dittature, le carestie, una spruzzatina di guerre. Davvero crediamo che quella che sta arrivando sulle nostre coste sia un'invasione? Davvero non abbiamo capito che l'emigrazione verso l'Europa è una cosa per benestanti (quindi pochi), perché i veri poveri (tanti) non se la possono permettere e restano laggiù?

Davvero non abbiamo capito che l'emigrazione verso l'Europa è una cosa per benestanti (quindi pochi), perché i veri poveri (tanti) non se la possono permettere e restano laggiù?

Però attenzione: non è che gli altri, gli illuminati, siano di tutt'altra pasta. Parlano parlano ma alla fin fine... Il nostro premier Gentiloni è andato alle riunioni Ue a chiedere di “discutere del ruolo delle ong, della missione di Frontex, delle risorse a disposizione per lavorare in Libia e negli altri Paesi africani, della possibilità di allargare i nostri programmi". Di fatto, a chiedere di rovesciare la pratica politica di questi ultimi anni. Perché solo una settimana prima il Consiglio d'Europa si era chiuso rinviando sine die il riesame del regolamento di Dublino (quello che incastra l'Italia, costringendola a trattare e curare tutti coloro che sbarcano, anche se non è all'Italia che mirano), senza affrontare i buchi della missione Frontex, senza parlare delle imbarcazioni “umanitarie” che i migranti vanno quasi a prenderli a casa e poi li scaricano a noi e solo a noi, senza rifinanziare gli aiuti per lo sviluppo dei Paesi dell'Africa da cui tanti migranti cominciano il viaggio. E quando l'Italia, forte di un'esperienza storica senza pari, chiedeva un ruolo di primo piano in Libia, Francia e Regno Unito ci hanno risposto picche, impegnati come sono a completare il disastro da loro stessi avviato con la guerra del 2011.

Emmanuel Macron era tutto un miele sul dovere di aiutare l'Italia. Ma alla prima ondata di migranti, quella di questi giorni, ha sbarrato il confine di Ventimiglia e si è messo a pontificare di “richiedenti asilo” (i migranti buoni) e “migranti economici” (quelli cattivi), come se non sapesse che distinguerli è sempre più difficile, per non dire impossibile


Parole tante, fatti pochi. Muri dappertutto, così la grana tocca al vicino. E mistificazioni a non finire. Emmanuel Macron, l'homo novus francese che dovrebbe rifare l'Europa a braccetto con la Merkel, al Consiglio d'Europa era tutto un miele sul dovere di aiutare l'Italia. Ma alla prima ondata di migranti, quella di questi giorni, ha sbarrato il confine di Ventimiglia e si è messo a pontificare di “richiedenti asilo” (i migranti buoni) e “migranti economici” (quelli cattivi), come se non sapesse che distinguerli è sempre più difficile, per non dire impossibile. Uno che cerca di sfuggire alla carestia e alla desertificazione è un “migrante economico”? E uno che arriva dalla Nigeria ricca di petrolio e tormentata da Boko Haram è per forza un “richiedente asilo”? Un commerciante siriano di Aleppo che ha parenti e relazioni in Germania che cos'è?

Dietro l'apparente diversità delle posizioni, quindi, c'è un vero pensiero unico: l'unico migrante buono è quello che finisce a casa d'altri. Dichiarazione di fallimento politico di un'Europa che, in fondo, per affrontare i flussi migratori avrebbe dovuto fare una cosa molto semplice e molto desiderate ma a quanto pare impossibile: unirsi e agire unita.

Potrebbe interessarti anche