Tutto agli anziani, niente ai giovani: la spesa sociale italiana è la più ingiusta d’Europa

Il 77,2% della spesa sociale italiana è per chi ha più di 65 anni, mentre in Irlanda solo il 31,8%. Un dato allarmante, visti i bassissimi tassi di fertilità italiani. Non si investe sui giovani, non si fa in modo di fargli creare una famiglia: un disastro

000 QA75Q

THOMAS SAMSON / AFP

11 Luglio Lug 2017 0803 11 luglio 2017 11 Luglio 2017 - 08:03
Messe Frankfurt
WebSim News

Nonna Maria ha potuto dormire sonni tranquilli. Le intenzioni riformiste del nipote Matteo Renzi sulle pensioni di reversibilità, espresse in un’epoca lontana, nel 2013, quando tutto sembrava possibile, sono rimaste lettera morta.

E come per nonna Maria, nulla è cambiato anche per altri milioni di pensionati che percepiscono un emolumento calcolato con i metodi più generosi d’Europa.

Basti pensare che, caso pressochè unico, non vi è un limite superiore per godere della pensione di reversibilità: in assenza di persone a carico anche chi ha un reddito che va oltre le 5 volte il minimo - dunque anche un milionario - percepirà il 60% della pensione del coniuge deceduto, qualunque essa sia, solo decurtata della metà.

In Francia o in Germania le cose funzionano diversamente. Nel primo caso non si ha diritto ad alcuna pensione di reversibilità se il reddito del vedovo/a supera i 20.223,60 €,. Nel secondo il beneficiario deve dedurre dall’assegno percepito il 40% del proprio reddito che superi i 771€, con la possibilità dunque di ridurre la somma totale a zero.

E i risultati di queste diversità di calcolo si vedono: il nostro Paese è quello che paga più di tutti in pensioni di reversibilità sia rispetto al PIL (il 2,8%), che al totale della spesa pubblica (il 5,5%). Superiamo tutti. Nel caso della spesa pubblica doppiamo la Francia, addirittura.

Dati Eurostat

Dati Eurostat

E negli anni la situazione è rimasta pressochè stabile. Si trattava del 5,3% del totale della spesa pubblica nel 2005, del 5,1% nel 2008, del 5,5% oggi.

Questa generosità con le pensioni di reversibilità tra l’altro è strettamente collegata e incentiva all’idiosincrasia degli italiani per le pensioni integrative private, che hanno fatto pochi passi avanti nel nostro Paese rispetto a quanto accaduto in Europa, e perpetuano una cultura di dipendenza, in cui le donne da decenni hanno teso a non trovare lavoro (abbiamo il tasso d’occupazione femminile più basso nella UE) contando, con questa forma di assistenza, sul sostegno in tarda età sia del marito, sia dello Stato.

Non è chiaro se queste implicazioni siano comprese dai governi.

Ma l'aspetto più allarmente sono le conseguenza di questi dati su altri segmenti sociali. A una maggiore spesa per un capitolo ne deve corrispondere una minore per un altro. Ed è quello che accade, guarda caso, con la spesa per i giovani e per le famiglie. Solo il 3% della spesa totale è dedicato a politiche per la famiglie e i minori, contro l’8,3% della Danimarca o il 6,6% dell’Irlanda. O il 4,4% della Francia.

E solo il 2,4% va alle politiche per la disoccupazione. È il 4% in Germania, ben il 4,6% in Spagna, fino al 6,3% dell’Irlanda.

Dati Eurostat

Dati Eurostat

Si tratta di priorità. E che nel nostro Paese queste siano piuttosto sbilanciate verso la terza età lo sappiamo, e ne abbiamo una ulteriore conferma dalla divisione della spesa sociale per capitoli. In Italia è un trionfo per le voci che riguardano le pensioni.

Quelle di vecchiaia si prendono la fetta più grande, il 64,3%, quai 10 punti in più che in Francia e 16 più che in Germania. Cui va aggiunto il 12,9% riservato a quelle di reversibilità.

Dati Eurostat

Nel totale il 77,2% della spesa sociale italiana è per chi ha più di 65 anni, mentre in Irlanda solo il 31,8%. Solo le briciole alla famiglia, alla casa all’esclusione sociale

È un caso che noi siamo tra gli ultimi Paesi per tasso di fertilità e l’Irlanda è il primo?

Ma che la priorità non siano i giovani e le famiglie lo si capisce anche dall’attività mediatica dei politici.

L’ex premier Renzi snocciola i dati di cui è più orgoglioso come il numero di pensionati che avranno la 14esima, concessa anche a chi ha un emolumento due volte il minimo, ma senza considerare il reddito familiare, tanto che il presidente INPS Boeri stima che in maggioranza verrà destinata a chi è ben oltre le soglie di povertà. Questa spesa costerà 800 milioni di euro all’anno.

Per l’APE, l'anticipo pensionistico, invece verranno spesi 2,3 miliardi fino al 2021 sotto la voce APE Social, e 1,5 sotto quella APE Precoci fino al 2019 (e poi ancora 590 milioni ogni anno dal 2020 al 2026).

Per i giovani? Beh ci sono i 290 milioni concessi una tantum a chi compie 18 anni, 500€ ciascuno.

Il confronto è stridente, ma del resto non c’è un sindacato giovani, o un sindacato giovani genitori, che possa spingere verso la propria agenda come con successo ha fatto quello dei pensionati, trasformando le intenzioni di riforma del renzismo pre-governativo in un effluvio di provvedimenti di senso esattamente opposto, dall’abolizione dell’IMU sulla prima casa, all’APE, allo stop alla decontribuzione.

E d’altronde non c’è neanche la coscienza della possibile esistenza di una agenda giovani tra questi ultimi. Le nonne Maria di tutt’Italia potranno stare tranquille, probabilmente nessuno toccherà le pensioni di reversibilità, potranno continuare a dare la mancia ai nipoti 30enni per prendere un pullmann Flixbus, finchè ci sarà, e andare a cercare lavoro, quale che sia, sperando di trovarlo.

Potrebbe interessarti anche