Post SilvioPisapia contro Moratti è anche Internet contro tv

Pisapia contro Moratti è anche Internet contro tv

Per la prima volta in Italia la partita tra televisione e internet sembra giocarsi alla pari. Tanto che internet è addirittura in vantaggio. Succede a Milano, in campagna elettorale. Da un lato ci sono gli “old media” e i grandi mezzi di Letizia Moratti e Silvio Berlusconi. Dall’altro, a scommettere sulla Rete con un metodo e una fiducia sconosciuti all’Italia fino a oggi, sono Giuliano Pisapia e il suo staff.

Scioccato dal risultato del primo turno, il presidente del Consiglio ha provato un ritorno alle origini: poche tasse, paura dei comunisti, e tantissima televisione. 17 minuti a reti “unificate”, raccontando – tra l’altro – il terrore che attraversa Milano per la paura dei centri sociali che andrebbero al potere assieme a Pisapia.
Anche Letizia Moratti, per mille ragioni, dovrebbe trovarsi meglio in tv che sulla Rete, a dispetto dello “scivolone” su “Pisapia Ladro”. La batosta elettorale di una settimana fa deve aver comunque smosso qualche riflessione nel mutevole staff del sindaco. Il restyling internet è piuttosto evidente: sia sui siti istituzionali e personali che sulle pagine dei social network e di Facebook in particolare. La sindaco Letizia Moratti si è insomma accorta che internet esiste, nella città più cablata del mondo.

Certo è che recuperare terreno a Pisapia con la sola forza della volontà e dei mezzi adesso è davvero difficile. Il candidato del centrosinistra e quelli che lo sostengono esistono davvero su Internet, e da un pezzo. La sua pagina fan su Facebook mette in fila 53.432 fan, cresciuti progressivamente, regolarmente e poi esponenzialmente, con la calma che può permettersi chi ha iniziato una campagna elettorale quasi un anno fa. È con i social network che Pisapia ha riempito la piazza della Stazione Centrale con un grande concerto a pochi giorni dal primo voto. È con Facebook che ha fatto seppellire di risate chi lo descrive come un pericolo pubblico, a cominciare da Red Ronnie, vicinissimo al sindaco e – guarda caso – uomo di Tv una volta popolarissimo tra i giovani.
I ragazzi di Pisapia fanno sempre tutto in fretta, piuttosto bene e sono assai motivati.

Hanno del resto i tempi di reazione di uno stuolo di ragazzi che, in rete, ci vive: qui leggono, guardano la tv, perdono tempo, scrivono e comunicano, pensano, ridono, formano e diffondono “opinione”. È solo così che si capisce come ha fatto un distinto signore di 62 anni come Pisapia a sfidare addirittura i grillini sui tasti “gioventù” e “internet”, cioè i loro.
Resta chiaro un fatto: se Pisapia vincerà domenica non sarà “merito di internet”. Sarà perché un pezzo di paese consistente e rilevante non pensa di rinnovare fiducia a Silvio Berlusconi; sarà perché questo scatenarsi di promesse improvvise da Milano e da Roma a tanti potrebbe sapere di disperazione, più che non di forza; sarà per tanti ragioni di cui, comunque finirà, avremo modo di riparlare.

Internet però, per la prima volta, è un campo di battaglia vero, credibile, e alla sua importanza di colpo tutti credono: perché ha contribuito in modo sensibile a un risultato a sorpresa. È vero infatti che la società è ancora tanto più grande della Rete. Ma è anche vero che a Milano, in questa città da sempre avanguardia dei cambiamenti italiani, la Rete si fa sentire ogni giorno di più ad ogni livello di discussione. Proprio qui, nella Milano di Cologno Monzese e di Milano 2, qualcuno capì prima di tutti come fare televisione commerciale. Son passati trent’anni: sarebbe anche ora, in effetti, di inventarsi qualcosa di nuovo.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta