Trovato morto ex giornalista del News of the World

Trovato morto ex giornalista del News of the World

Sean Hoare, secondo quanto riporta il Guardian, è stato trovato morto nella sua abitazione. Si tratta del primo giornalista che aveva pubblicamente accusato Andy Coulson, all’epoca suo direttore al News of the World, di sapere, e aver incoraggiato, le intercettazioni illegali effettuate da investigatori privati per conto del giornale.

Coulson era diventato in seguito portavoce di Downing Street. In un articolo di Times Magazine, del gruppo del New York Times, Hoare aveva dichiarato che Coulson era consapevole delle pratiche adottate. Tanto che, quando Coulson aveva testimoniato davanti alla commissione parlamentare negando di sapere delle intercettazioni, Hoare aveva definot questa affermazione una «bugia».

Il Guardian ha pubblicato per primo la notizia che un investigatore privato assoldato dal News of the World si era introdotto nel cellulare della tredicenne scomparsa Milly Dowler, cancellando alcuni messaggi dalla sua segreteria telefonica. Si è trattato della prima rivelazione di uno scandalo che sta assumendo dimensioni sempre maggiori, coinvolgendo Rebekah Brooks, il capo di News International, che è stata arrestata il 17 luglio per poi essere rilasciata su cauzione.

Hoare aveva accusato Coulson di avergli personalmente chiesto di intercettare dei telefoni. Un giornalista molto legato all’ex-portavoce di Downing Street, dopo che avevano lavorato insieme al Sun prima e al News of the World poi. Dopo la chiusura del settimanale, Rupert Murdoch e il figlio James compariranno davanti al parlamento britannico per rispondere a domande su uno scandalo che minaccia di ridefinire il destino dell’impero mediatico del magnate australiano e il panorama dei media.