Tutti gli uomini (e una donna) del cda Finmeccanica

Tutti gli uomini (e una donna) del cda Finmeccanica

Pier Francesco Guarguaglini

È presidente di Finmeccanica, dal 2002 è stato anche amministratore delegato fino allo scorso maggio quando ha perso la carica sotto il peso delle inchieste. Nella galassia del gruppo ha rivestito numerose cariche: amministratore delegato delle Officine Galileo, stessa carica in Oto Melara e successivamente presidente di Alenia Marconi Systems prima di guidare Fincantieri. È molto vicino a Gianni Letta e al conterraneo Altero Matteoli, ex ministro delle infrastrutture.

Giuseppe Orsi

Nell’ultimo rinnovo delle nomine ad aprile 2011 l’asse Tremonti-Lega porta a casa la nomina di Giuseppe Orsi come amministratore delegato. L’ingegnere piacentino, con una carriera tutta in azienda, va a guidare il colosso della Difesa dopo l’incarico di amministratore delegato per Agusta Westland del settore elicotteri.

Carlo Baldocci

Consigliere diplomatico del Ministero dell’Economia dal 2003, prima ha lavorato agli Esteri alle ambasciate di Teheran e Washington. È figlio dell’ex segretario generale della Farnesina Giuseppe Baldocci. È stato nominato ad aprile 2011 consigliere di amministrazione senza diritto di voto.

Franco Bonferroni

È stato parlamentare Dc per quattro legislature fino a diventare sottosegretario di Stato per il commercio con l’estero nel 1991. Passato all’Udc, nel 2005 è stato sfiorato (non indagato) dall’inchiesta Poseidone della Procura di Catanzaro sul comitato d’affari calabrese che secondo l’accusa, era all’opera da anni per gestire appalti e finanziamenti europei. Bonferroni è il gemello politico di Lorenzo Cesa, attuale segretario dell’Udc, e anch’esso indagato nella stessa inchiesta. La posizione di Cesa è stata definitivamente archiviata a febbraio 2011.

Paolo Cantarella

Nel 1989 entra in Fiat Auto come responsabile degli ascquisti e della logistica e lo stesso anno è nominato, prima direttore generale di Fiat Auto e, successivamente, amministratore delegato. È stato membro del comitato direttivo di Confindustria e consigliere di amministrazione di Mediobanca, di HdP (Holding di partecipazioni industriali SpA), di Alcatel, di Cnh, di Polaroid, di Terna e Toroc (Olimpiadi di Torino 2006).

Giovanni Catanzaro

Siciliano, presidente di Consip, è considerato politicamente vicino al ministro della difesa Ignazio La Russa. La Consip è la società per azioni del Ministero dell’Economia e delle Finanze, che lavora al servizio esclusivo delle pubbliche amministrazioni. Dal 1998 ricopre incarichi nella società Lombardia Informatica (controllata da Regione Lombardia si occupa in esclusiva dei sistemi informativi della Regione), di cui è stato amministratore.

Dario Galli

Leghista della prima ora (presente alla Camera dal 1997) è stato al Senato fino ad aprile 2008 quando è tornato a Varese come presidente della Provincia. Dopo un mese la nomina nel cda di Finmeccanica.

Marco Iansiti

Professore alla graduate school of business administration dell’università di Harvard dove è anche capo dipartimento del technology and operations management e capo del digital business initiative. La sua attività accademica è focalizzata nelle area delle strategie, innovazione e tecnologia ed ha pubblicato numerosi libri e articoli in riviste specializzate dedicati a questi temi.

Silvia Merlo

Membro del consiglio di amministrazione della Cassa di Risparmio di Savigliano (Cuneo), è figlia dell’industriale Amilcare Merlo (primo produttore al mondo di sollevatori telescopici). Nell’impresa di famiglia, la Merlo spa, è amministratore delegato.

Francesco Parlato

Dal 2007 è a capo della direzione generale finanza e privatizzazioni del Dipartimento del Tesoro dove, dal gennaio 2003, aveva ricoperto la carica di Dirigente dell’ufficio responsabile dei processi di privatizzazione di gruppi e società facenti capo al Ministero dell’Economia e delle Finanze.

Christian Streiff

Laureato in Ingegneria presso l’Ecole des Mines di Parigi nel 2004 viene nominato vice presidente del gruppo Saint-Gobain carica che ricopre fino al 2005. Nel 2006 è nominato presidente e direttore di Airbus e dal 2006 al 2009 presidente e direttore generale dell’azienda automobilistica Psa Peugeot Citroen.

Guido Venturoni

Nel 2002 l’ammiraglio Guido Venturoni, ex capo di Stato maggiore della difesa, ha lasciato il servizio attivo dopo 50 anni di servizio e viene nominato presidente della società Marconi Selenia (oggi Selex Elsag s.p.a), carica poi passata a Guido Bellini, capo di stato maggiore dei Carabinieri quando Venturoni passa al consiglio di amministrazione di Finmeccanica.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, così come i giornali di carta e la nuova rivista letteraria K, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta