Sorpresa a Yahoo!: si dimette il fondatore Jerry Jang

Sorpresa a Yahoo!: si dimette il fondatore Jerry Jang

Apertura del Financial Times dedicata ai Paesi emergenti: la Banca mondiale suggerisce di prepararsi per un rallentamento economico peggiore di quello del 2008-2009. http://goo.gl/RjAS1

Sempre sul Ft le dimissioni del visionario co-fondatore di Yahoo! Jerry Jang. Ora Scott Thompson, il nuovo amministratore delegato, dovrà riposizionare il motore di ricerca. http://goo.gl/jnYRV

In prima pagina sul Wall Street Journal l’incremento delle quote del fondo emiratino Aabar al 6,5% danno ossigeno alle azioni e ai diritti d’opzione del maxi aumento di capitale di Unicredit. http://goo.gl/Adx6e

Sempre sul Wsj l’avvertimento dell’Iran all’Arabia Saudita di non supplire all’embargo dei Paesi occidentali al petrolio di Teheran aumentando le proprie forniture, specialmente verso gli Usa. http://goo.gl/B9TU0

La battaglia legislativa sulla pirateria online negli Usa e in Ue diventa per la prima volta politica con lo “sciopero” di alcuni siti tra cui Wikipedia, scrive il New York Times. http://goo.gl/JOs3F

Sul Washington Post le strategie di Perry, Santorum e Gingrich per superare a destra il favorito Mitt Romney nell’ultimo assalto disponibile per rimescolare le carte: la South Carolina. http://goo.gl/U8sPV

Sull’Independent si parla di Grecia: oggi ripartono i negoziati con i creditori privati per la ristrutturazione del debito, resi più difficili dall’avidità dei fondi hedge. http://goo.gl/ZnDNj

In un’intervista al Telegraph, Ed Milliband propone la creazione di un garante dei consumatori contro le tasse troppo elevate delle compagnie aeree e dei servizi finanziari. http://goo.gl/UAAeZ

In un’intervista a Le Monde, il candidato socialista alle presidenziali, Francois Hollande, ha affermato che la creazione di un’agenzia di rating europea con efficacia regolamentare è un punto del suo programma elettorale. http://goo.gl/cK9Oe

Gli arresti domiciliari del comandante Francesco Schettino occupano invece la prima pagina di Le Figaro. http://goo.gl/OCPyx

Su Die Welt lo spot di una nota marca di intimo tedesca prende in giro il presidente federale Christian Wulff sul tema della “trasparenza”. http://goo.gl/2ydDF

Su El Paìs la proposta del ministro dell’Industria Cristobal Montoro di creare un organismo centrale per il pagamento dei fornitori in caso di ritardi da parte delle Regioni spagnole vicine al default, come Valencia. http://goo.gl/DVE3B
 

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, così come i giornali di carta e la nuova rivista letteraria K, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta