In Egitto apre il primo hotel dove vige la sharia

Divieto d’ingresso in Egitto anche ai turisti iraniani: “diffondono lo sciismo”

Dopo aver conquistato il potere politico, e mentre tentano in un braccio di ferro con i giudici di conquistare anche quello giudiziario, i partiti islamici egiziani hanno lanciato la loro offensiva per controllare anche il settore del turismo. Nei giorni scorsi avevano già boicottato l’iniziativa del governo del premier Hisham Kandil di portare in Egitto turisti iraniani, per il timore che potessero diffondere lo sciismo. Ora salafiti e Fratelli Musulmani propongono la loro alternativa al turismo di massa aperto agli occidentali, dando vita al primo hotel dove vige la sharia.

Si è tenuta nei giorni scorsi ad Hurgada l’inaugurazione del primo hotel definito Halal, perché al suo interno è vietata la vendita di qualsiasi tipo di alcolici, come avviene invece negli altri alberghi e resort che si affacciano sul Mar Rosso.
Per la prima volta inoltre in Egitto i turisti musulmani avranno un luogo dove vige la rigida regola della separazione per sessi, con piscine e altri luoghi comune divisi tra uomini e donne. Un gruppo di imprenditori islamici ha rilevato il vecchio Le Rois Hotel di Hurgada, da anni in decadenza e sull’orlo del fallimento, trasformandolo in qualcosa di diverso.

Alcune immagini dell’inaugurazione del 4Win Hotel

Erano alcune centinaia le persone che hanno preso parte all’inaugurazione del 4Win Hotel, questo il nome scelto per l’hotel islamically correct, che si è conclusa con la distruzione di decine di bottiglie di vino, a dimostrazione del fatto che il turismo occidentale rappresenta il nemico numero uno degli islamici della regione.

Alla cerimonia era presente anche Khaled Said, portavoce del Fronte salafita egiziano. Parlando al giornale locale al Youm al Sabaa ha commentato l’iniziativa affermando che «l’apertura del primo hotel senza alcolici in una località turistica famosa a livello mondiale come Hurgada è un fatto molto importante e positivo. Noi siamo qui per sostenere questa iniziativa e speriamo che possa riuscire, e che piano piano possano nascere altre strutture come questa».

Il politico islamico ha inoltre spiegato che «l’occidente rispetta solo se stesso, mentre in questo hotel si rispetta l’Islam e i musulmani perché ci sono delle zone dedicate alle donne, delle Spa dedicate solo a loro e questo in una città turistica come Hurgada è un fatto nuovo».
Nel comunicato di invito per l’inaugurazione, diffuso ai media egiziani, i proprietari della struttura hanno sottolineato come un intero piano dell’albergo, l’ultimo, sia stato completamente dedicato alle donne con un ristorante e una piscina solo per loro.

Il direttore del 4Win Hotel, Yaser Kamel, ha spiegato che «il nostro hotel è un 3 stelle composto da 134 stanze e 35 suite. L’esperienza di un hotel senza alcolici che rispetta la sharia sarà importante per tutto il mondo e per gli egiziani in particolare. Noi rivendichiamo la possibilità di fare turismo in questo modo e mostriamo al mondo come poter fare turismo rispettando noi e la nostra fede, perché il turismo a cui assistiamo oggi è invece di tipo distruttivo e sta distruggendo i nostri giovani. Ora tutti possono vedere come insieme al turismo sta cambiando tutta la società egiziana». 

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, così come i giornali di carta e la nuova rivista letteraria K, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta