Francia, il conto corrente lo apri gratis dal tabaccaio

Nuove forme di Light-banking

«Un pacchetto di Gauloises Blue e un codice Iban, s’il vous plaît».

Si chiama “Compte Nickel”, e richiama l’espressione C’est Nickel, che in francese significa “tutto ok”, “perfetto”. È un nuovo servizio di light-banking che, tra poche settimane, permetterà ai francesi di aprire e gestire un conto bancario semplicemente, velocemente, comodamente e, soprattutto, gratis.  

Il conto si potrà aprire dal tabaccaio o in edicola in cinque minuti. “Compte Nickel”, a differenza di un normale conto bancario, non avrà obblighi: nessuna necessità di un reddito fisso, nessuna condizione legata al patrimonio o ai depositi disponibili. E nessuna discriminazione. Il servizio, infatti, punterà alle clientele meno abbienti ed alle persone in difficoltà.

Attenzione però: dietro al progetto, dall’apparenza umanitaria ma dagli scopi assolutamente profit, c’è Hugues Le Bret, che per anni ha lavorato nella comunicazione di Société Générale, uno dei maggiori colossi bancari del paese, ex amministratore delegato di Boursorama, il portale francese utilizzato da chi si vuole tenere aggiornato sulle informazioni finanziarie. Insieme a lui si è schierato un luminare del light-banking e dei nuovi media.

Il “conto corrente dei poveri, come è stato ribattezzato, si avvarrà di un capitale di base di 11 milioni di euro. Il servizio potrà essere aperto in cinque minuti e, come detto, non richiede alcun tipo di garanzia. Sempre più spesso, in Francia, negli ultimi mesi le famiglie si sono viste negare l’apertura di un conto, a causa di passivi precedenti e difficoltà economiche: “Compte Nickel” vuole intercettare proprio questo tipo di clientela.

Inoltre, permetterà ai clochard e alle altre persone che vivono sotto la soglia di povertà di ricevere comodamente il sussidio minimo garantino, risolvendo un annoso problema ripresentatosi con sempre maggiore frequenza, in Francia negli ultimi anni.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta