SOCIAL MEDIA IN IRANFacebook torna in Iran

Facebook torna in Iran

Il ministro della cultura iraniano Ali Jannati ha annunciato che a breve il governo sospenderà l’ordinanza di divieto di accesso ai social media.

La censura contro le comunità online di Facebook e di Twitter è seguita ai disordini del 2009, in occasione delle elezioni presidenziali. Il nuovo capo dello Stato, Hassan Rouhani, è stato eletto lo scorso giugno; il suo profilo Twitter conta già più di 120 mila follower.

Il primo ottobre lo stesso Rouhani è stato protagonista di una conversazione con il fondatore di Twitter Jack Dorsey. Attraverso un breve scambio di cinguetti, il presidente aveva preso l’impegno di rendere accessibili i social media ai suoi concittadini. La promessa sembra in via di attuazione.

***

Leggi la storia originale su Boston.com

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, così come i giornali di carta e la nuova rivista letteraria K, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta